Yogurt alle Nocciole da 500g

Yogurt alle Nocciole da 500g

EUR 16,80

Bottigliette di Yogurt al gusto di Nocciola

Disponibilità: Disponibile
Formato:

Lo Yogurt Artigianale del Podere Cittadella e' prodotto secondo i metodi tradizionali dei luoghi di produzione dove lo yogurt ha avuto origine. Grazie all'utilizzo di ottimo latte fresco di alta qualità appena munto non omogeneizzato e delle migliori composte di frutta possiamo offrire un prodotto dalle pregiatissime qualità sensoriali. La fermentazione lenta del latte in 16 ore permette di ottenere uno squisito yogurt valorizzato da una ricchezza di sapore ed una molteplicità di aromi impossibile da ottenere con la normale fermentazione industriale veloce di 3 ore.

Tutte le fasi di lavorazione avvengono sotto la supervisione del nostro mastro artigiano usufruendo del minimo apporto di macchinari, avvalendoci di una madre di fermenti fresca mantenuta prelevando di volta in volta la quantità necessaria alla fermentazione ed aggiungendo nuovo latte; i ceppi di St.termophilus e Lb. bulgaricus utilizzati sono sono stati selezionati dai granuli naturali di kefir e dal lassi, il buonissimo yogurt tradizionale indiano.
La comoda confezione in bottiglietta dal simpatico disegno e l'armonioso rapporto di fluidità e cremosità ne fanno uno yogurt ideale per il consumo in ogni momento e situazione delle nostre giornate sempre più in movimento.

Le nocciole sono semi oleosi, quindi particolarmente ricchi di grassi; il loro impiego è eterogeneo ma, tra i vari, si nota anche la produzione di un olio alternativo a quello extravergine di oliva.

Gli impieghi gastronomici di questi frutti sono davvero numerosissimi e non è affatto semplice citarli tutti. Oltre ad essere consumate da sole, le nocciole vengono adoperate per la produzione di confetti, torroni, cioccolato, gelati e dolciumi vari, ma anche di alimenti di impronta "salutistica" come i muesli. Le nocciole, in quanto "frutta secca" (o meglio, semi oleosi), sono molto utilizzate nei regimi alimentari di tipo: Macrobiotico, Dieta a Zona e Dieta Paleolitica.

Per il discreto contenuto in proteine (tenendo in considerazione che si tratta di un alimento vegetale), le nocciole risultano un valido sostituto degli alimenti plastici di origine animale; ovviamente, né la quantità, né il valore biologico sono vagamente paragonabili a quelli, per esempio, della carne.
Ad ogni modo, la possibilità di associare più fonti proteiche vegetali, se ben ponderata, assicura la copertura del fabbisogno di amminoacidi essenziali anche attraverso un regime dietetico vegano.

Le nocciole possono essere utilizzate per completare l'apporto lipidico della dieta; potrà sembrare strano, ma alcuni regimi alimentari necessitano di fonti lipidiche alternative all'olio per raggiungere anche solo il 25-30% delle calorie totali. In tal caso, le nocciole sono un'ottima soluzione.

Composizione per: 100g di Nocciole, secche
Valori nutrizionali (per 100 g di parte edibile)

Parte edibile 42%
Acqua 4.5g
Proteine 13.8g
Amminoacidi prevalenti Ac glutammico, Arginina, Ac aspartico
Amminoacido limitante Lisina
Lipidi TOT 64.1g
Acidi grassi saturi 4.16g
Acidi grassi monoinsaturi 38.62g
Acidi grassi polinsaturi 5.20g
Colesterolo 0.0mg
Carboidrati TOT 6.1g
Amido 1.8g
Zuccheri solubili 4.1g
Alcol etilico 0.0g
Fibra alimentare 8.1g
Fibra solubile - g
Fibra insolubile - g
Energia 655.0kcal
Sodio 11.0mg
Potassio 466.0mg
Ferro 3.3mg
Calcio 150.0mg
Fosforo 322.0mg
Tiamina 0.51mg
Riboflavina 0.10mg
Niacina 2.80mg
Vitamina A (RAE) 30.0µg
Vitamina C 4.0mg
Vitamina E 15.0mg

La ripartizione degli acidi grassi risulta benefica per il metabolismo dei lipidi. A dir il vero, le nocciole non contengono grosse quantità di molecole essenziali (omega 3 e omega 6); tuttavia, l'apporto in omega 9 (acido oleico) risulta più che soddisfacente, a tutto vantaggio della colesterolemia.

Notevole anche la concentrazione di fibre alimentari, importanti per prevenire la stipsi, ma anche per ridurre il rischio di tumore al colon, alimentare la flora batterica intestinale simbiotica e modulare l'assorbimento dei nutrienti.
L'importanza nutrizionale delle nocciole è anche imputabile all'elevato contenuto in vitamine (vitamina E, B6, folati e tiamina) e sali minerali (rame, ferro, manganese e calcio). Se assunte in piccole dosi hanno proprietà antiossidanti, ricostituenti, ipoglicemizzanti e ipocolesterolemizzanti (sono una buona fonte di steroli vegetali).

Ad ogni modo, considerato il loro elevato apporto calorico, le nocciole andrebbero consumate con moderazione (10-20 grammi sono più che sufficienti), possibilmente lontano dai pasti principali, magari associandole a un frutto polposo (kiwi, banana, mela ecc.).

Le nocciole si prestano soprattutto all'alimentazione del soggetto ipercolesterolemico, in virtù degli effetti positivi che svolgono gli omega 9 e i fitosteroli. Non risultano controindicate in caso di diabete mellito tipo 2, ipertensione, iperuricemia e ipertrigliceridemia.

Salute cardiovascolare

Le nocciole sono ricche di grassi insaturi, che sono considerati benefici per il cuore. Contengono acido oleico, utile per innalzare i livelli di colesterolo "buono" HDL. Presentano un buon contenuto di magnesio, un minerale che regola i livelli di calcio nei muscoli. Quando sono ottimali, il cuore può funzionare regolarmente. Anche il magnesio stesso garantisce che il cuore rimanga in salute.
Prevenzione del cancro

Il contenuto di vitamina E delle nocciole è utile per la prevenzione di alcuni tipi di tumore, come quello alla vescica. La presenza di manganese protegge il nostro organismo dal cancro. Il manganese fa parte degli enzimi antiossidanti prodotti dai mitocondri delle cellule, un meccanismo utile per metterle al riparo dal cancro.
Muscoli

Il magnesio, di cui le nocciole sono ricche, regola la presenza di calcio nell'organismo. Quando il quantitativo di calcio è corretto, i muscoli funzionano a dovere e si contraggono senza problemi. Ciò allevia la tensione muscolare, i crampi e l'affaticamento. Inoltre, elevati livelli di magnesio rafforzano i muscoli.
Salute della pelle

nocciole-
100 grammi di nocciole contengono circa l'86% della vitamina E di cui il nostro organismo ha bisogno ogni giorno. La vitamina E protegge la pelle dagli effetti dannosi dei raggi ultravioletti, dall'invecchiamento prematuro e dall'eventualità che possano insorgere dei tumori.
Ossa e articolazioni

Le nocciole, come fonti eccezionali di magnesio, permettono di garantire la salute delle ossa e delle articolazioni. Il nostro organismo lo utilizza per dare vita alla nostra struttura ossea e per rinforzare lo scheletro. Il corpo può immagazzinare magnesio a livello delle ossa e impiegarlo in caso di una carenza d'emergenza. Anche il manganese contenuto nelle nocciole è utile per rafforzare le ossa. Le donne, soprattutto la menopausa, possono rafforzare le ossa e contrastare l'osteoporosi grazie a una dieta ricca di magnesio.
Sistema nervoso

Le nocciole sono ricche di vitamina B6. Il sistema nervoso ha bisogno di amminoacidi per funzionare in modo corretto e la vitamina B6 è importante da questo punto di vista. Inoltre, questa vitamina è necessaria per la creazione della mielina, che incrementa la rapidità e l'efficacia degli impulsi nervosi. La vitamina B6 è tra le sostanze fondamentali per la sintesi della serotonina, della melatonina e dell'epinefrina, neurotrasmettitori del sistema nervoso.
Apparato digerente

Il manganese presente nelle nocciole attiva gli enzimi digestivi e facilita la sintesi degli acidi grassi e del colesterolo. Inoltre, promuove il metabolismo delle proteine e dei carboidrati. Il contenuto di fibre delle nocciole assicura la salute dell'apparato digerente, facilitando il transito intestinale e l'eliminazione delle tossine.
Vitamina B

Le nocciole sono ricche di vitamina B1 (tiamina). B2 (riboflavina), B3 (niacina) e B9 (acido folico). Le vitamine del gruppo B sono necessarie al nostro corpo per ricavare energia dalle proteine, dai grassi e dai carboidrati. Vengono utilizzate dal nostro corpo per mantenere il sistema nervoso in salute per migliorare la produzione del neurotrasmettitore serotonina. La vitamina B9, o acido folico, contribuisce alla sintesi degli ormoni e la vitamina B2 è necessaria per la salute dei globuli rossi, mentre la vitamina B3 assicura le normali funzioni del sistema nervoso e dell'apparato digerente.
Sali minerali

Le nocciole presentano un variegato contenuto di sali minerali preziosi per il nostro organismo. Sono dunque un vero e proprio integratore energetico naturale. Contengono manganese, potassio, calcio, rame, ferro, magnesio, zinco e selenio. Rame e manganese sono fondamentali per la formazione di enzimi antiossidanti, mentre il ferro è utile per prevenire l'anemia. Magnesio e calcio sono essenziali nel metabolismo delle ossa.
Idratante (Olio di nocciole)

Dalle nocciole si ricava un olio prezioso utilizzato sia in cucina che per la cura della bellezza e della salute. L'olio di nocciole è ricco di acidi grassi insaturi e di vitamina E. E' utile per prevenire la disidratazione e l'invecchiamento della pelle e per rinforzare i capelli. Ha proprietà emollienti e tonificanti che lo rendono utile per la cura della pelle e per i massaggi. Viene utilizzato in aromaterapia, dalle medicine tradizionali e per la preparazione di cosmetici naturali.

Nocciole

Le nocciole sono frutti indeiscenti (acheni con pericarpo legnoso), parzialmente avvolti in un involucro fogliaceo verde che si stacca a maturità compiuta.

Molte volte, in presenza di nocciole fresche, può risultare difficoltoso togliere loro la sottile pellicina che le ricopre; per ovviare a questo piccolo inconveniente è possibile metterle qualche minuto in forno per asciugarle e riporle successivamente in un panno per poi strofinarle.

La raccolta delle nocciole si fa in autunno quando queste hanno raggiunto la piena maturazione e si staccano facilmente dalla pianta.

Le varietà più pregiate coltivate in Italia sono la nocella rossa, la nocella bianca e la gentile trilobata delle Langhe che come visto prima ha assunto il marchio I.G.P; quest'ultima è uno degli ingredienti base della famosa crema della Ferrero diffusa e conosciuta in tutto il mondo col nome di Nutella.

La popolazione celtica considerava il nocciolo un albero magico ed i suoi semi venivano spesso utilizzati nei loro riti religiosi per ottenere i favori delle divinità: in America il nome più diffuso per indicare le streghe nei fumetti è appunto "strega nocciola" probabilmente in riferimento alle proprietà magiche conferite alle nocciole in antichità.

La pianta che produce le nocciole è detta "nocciolo" (nocciòlo); si tratta di un albero appartenente alla Famiglia delle Coryloideae, Genere Corylus, Specie avellana (la nomenclatura binomiale è Corylus avellana). Non è quindi un caso che le nocciole siano conosciute anche col termine di "avellane".
Di nocciole ne esistono diverse varietà. In Italia, le più rinomate sono certamente quelle delle Langhe (Tonda Gentile), ma ultimamente si distinguono anche le Nostrali siciliane. Altre cultivar sono la Tonda di Giffoni, la Tonda Gentile Romana, la Camponica e la Mortarella di S. Giovanni.

Il nocciolo è un albero che raggiunge i 5-7m di altezza, con foglie a forma di cuore e profilo dentellato; cresce spontaneo nei boschi a clima mite e spesso forma naturalmente delle vere e proprie macchie di boscaglia (simili a piantagioni), anche dette "noccioleti". Sotto le piante di nocciolo è possibile trovare alcuni funghi, come il porcinello rosso, il berbesin e (nel sottosuolo) il tartufo nero.

Il terreno idoneo allo sviluppo dei noccioleti è drenante, fertile e profondo. Il nocciolo convive egregiamente con querce, faggi, frassini, aceri e alcuni pioppi.

Le origini delle nocciole sono europee e caucasiche. In Italia, il nocciolo colonizza in parte le pianure, buona superficie delle creste collinari dell'Appennino (fino ai nebrodi siciliani) e non manca in prossimità delle quote medie alpine. Viene diffusamente coltivato in Spagna, Francia, Turchia e Italia (soprattutto in Piemonte e Lazio).

Produzione delle Nocciole

La raccolta delle nocciole avviene in autunno, quando il frutto giunge a piena maturazione e l'involucro raggrinzisce, staccandosi con facilità. Seguono operazioni di pulitura ed essiccazione, necessarie alla prolungata conservazione dell'alimento. La riduzione dell'umidità diminuisce infatti l'irrancidimento dei grassi e ne prolunga la conservabilità, anche se un eventuale esposizione a temperature eccessive potrebbe sortire l'effetto contrario.

Una volta acquistate, le nocciole con il guscio vanno conservate in luoghi freschi, asciutti e a temperatura ambiente (circa 20°C) per non oltre un paio di mesi.

La produzione di nocciole sgusciate prevede anche la tostatura a bassa temperatura del frutto, necessariamente privato del guscio. Per preservare le caratteristiche organolettiche ed evitare la degradazione delle nocciole, il confezionamento avviene per mezzo di contenitori ben sigillati. Una volta aperti, le nocciole vanno riposte in un luogo fresco e asciutto, possibilmente dentro un vaso chiuso e al riparo dalla luce solare e dalle fonti di calore. Anche in questo caso, il deperimento è piuttosto rapido ed il prodotto andrebbe consumato entro brevissimo termine.

Per qualsiasi domanda, consiglio e chiarimento scrivete al nostro esperto Tecnologo Alimentare sempre a vostra disposizione!