Sconto del 20% con il codice HERBALIS20 (valido fino al 24/05/2021)
Spalla Cruda di Palasone

Spalla Cruda di Palasone

EUR 42,00

Disponibilità: Disponibile
Formato:
Tags: Cucina

È il più antico salume della Bassa Parmense, ricavato dall'arto anteriore di suini pesanti nazionali; è caratterizzata da un fetta marezzata dal gusto sapido, dal sapore intenso e dal profumo delicato. Stagionatura minima 11 mesi; il pezzo intero ha un peso medio Kg. 3,2. In commercio è un salume poco diffuso per la particolare abilità che richiede la lavorazione.

La Spalla cruda di Palasone è un salume tipico della bassa parmense. È inoltre catalogato tra i Presidi di Slow Food dell'Emilia-Romagna.

La spalla cruda può essere prodotta in due modi: con l'osso (più antica e più pregiata) o senza osso.

La spalla si ottiene dalla lavorazione della zampa anteriore di maiali. La spalla viene poi salata leggermente e lasciata riposare per circa 5 giorni. Successivamente viene insaccata all'interno della vescica naturale del suino e legata manualmente. Dopo una breve asciugatura di qualche giorno viene messa a stagionare in cantine apposite per almeno 15 mesi. Assume la stessa forma di un Fiocco di Culatello, ma si può distinguere grazie al pezzo di corda nella parte inferiore.

La Spalla Cruda di Palasone è un prodotto antichissimo che segue di pari passo la storia del Culatello.
Originaria della frazione di Sissa, Palasone (luogo dove esistono scritti più datati riguardanti il prodotto), la Spalla Cruda viene ricavata dalle fasce muscolari tra l'omero e la scapola dei nostri pesanti maiali. Viene salata e avvolta nella vescica rigorosamente a mano dai nostri norcini, come la tradizione della bassa parmense ci impone da generazioni.
Caratterizzata da una dolcezza e da una scioglievolezza unica, ci regalerà la sensazione di assaporare un salume ormai dimenticato da molti ma ancora in grado di regalare magnifiche emozioni grazie alla sua prorompente e delicata speziatura naturale.
Slow Food, così come per il Culatello e la Mariola, si impegna a tutelare questi grandi salumi per far si che non si perda un patrimonio di inestimata importanza.