Suma in polvere

Suma in polvere

EUR 5,90

Il ginseng brasiliano, tonico energetico, indicato per migliorare le performance psicofisiche , rinomato stimolante maschile.

Disponibilità: Disponibile
Formato:

Denominazioni botaniche varie: Pfaffia paniculata, Hebanthe paniculata
Luogo di origine: foreste pluviali amazzoniche. Brasile, Ecuador, Panama, Peru e Venezuela.
Parti utilizzate: radice
Impiego tradizionale: nei luoghi di origine la pfaffia paniculata viene utilizzata come tonico energetico e come afrodisiaco.

La Suma (pfaffia paniculata) è ben nota e conosciuta nei paesi di origine come rimedio popolare per una grande quantità di problematiche.

La Suma, conosciuta anche con il nome di Pfaffia paniculata é un arbusto con un intricato e profondo sistema di radici. E' originaria del bacino amazonico e altre zone tropicali come Brasile, Equador, Paraguay, Peru, e Venezuela.

Dai primi studi effettuati, a partire dal 1826, alla Suma sono stati attribuiti svariati nomi botanici: Pfaffia paniculata, hebanthe paniculata, gomphrena paniculata. Il genere pfaffia é ben conosciuto nell' america latina e centrale dove vivono più di 50 specie.

In sud America la Suma é conosciuta anche con il nome di "para toda" (che significa "per tutto") o come ginseng brasiliano. Gli indigeni dell' Amazonia utilizzano Suma da gerazioni per un largo campo di utilizzo.

Di recente la Suma é stata chiamata anche "il segreto Russo" riferito all' utilizzo che per molto tempo ne hanno fatto gli atleti olimpici russi.

Le sue proprietà, probabilmente, sono da ricondursi all' alta concentrazione di aminoacidi (circa 19), eletroliti, minerali, ferro, magnesio, zinco, vitamine A, B1, B2, E, K, e acido pantotenico. La radice contiene anche acido pfaffico, saponine (più dell 11%), glicosidi e nortriterpeni. - ** nortriterpenes **-

In fitoterapia le saponine da pianta sono conosciute per avere un ampio spettro di attività.

In occidente è conosciuta come ginseng brasiliano, anche se non esiste alcuna relazione con il ginseng asiatico o americano.

Viene a utilizzata la radice, la quale può essere assunto come alimento in quantità di 0,5-1 g al giorno.