Prebiotici in polvere (inulina+FOS)

Prebiotici in polvere (inulina+FOS)

EUR 2,95

I prebiotici (come l'inulina ed i FOS) sono carboidrati che agiscono da terreno di crescita per la flora intestinale ''buona'', in grado di modulare la composizione della microflora e migliorare le performances intestinali.

Disponibilità: Disponibile
Formato:

I prebiotici (come l'inulina ed i FOS) sono carboidrati che agiscono da terreno di crescita per la flora intestinale "buona", in grado di modulare la composizione della microflora e migliorare le performances intestinali.

L'assunzione di inulina comporta uno spiccato aumento nel tratto intestinale della presenza di Bifidobatteri e Lattobacilli (fermenti lattici importantissimi per una corretta digestione e per la salute del Colon) e una contemporanea e massiccia diminuzione del numero dei batteri ritenuti nocivi.
L'inulina quindi favorisce il riequilibrio della flora intestinale, potenziandone l'attività e migliorandone il metabolismo.
L'integrazione di inulina associata ai fermenti lattici vivi è importantissima per ottenere processi digestivi migliori e per la riduzione della formazione di gas a livello intestinale, consigliata in caso di stipsi e diarrea, appunto per i suoi effetti regolarizzanti.

I fruttoligosaccaridi (FOS), fruttani e l'inulina non sono idrolizzabili dagli enzimi digestivi umani e non vengono assorbiti dalla mucosa intestinale, per cui giungono inalterati nel colon dove:
• vengono fermentati dalla microflora intestinale portando l'incremento dei bifidobatteri
• aumentano la produzione di acidi carbossilici in specifico acido acetico e acido lattico che, portando a una diminuzione del pH, ostacola la crescita di microrganismi patogeni
• aumento dell'assorbimento di alcuni minerali (in particolare del calcio e del magnesio)

I FOS, acronimo di frutto-oligosaccaridi, sono fibre solubili presenti in diversi frutti, verdure e piante comuni. La fonte più nota di frutto-oligosaccaridi è l'inulina, da cui vengono estratti per idrolisi enzimatica. L'inulina, a sua volta, viene ricavata soprattutto dalla radice di cicoria ma è presente anche in cipolle, aglio, carciofi, banane, porri, asparagi, segale e frumento.
In campo industriale i FOS si ottengono anche per sintesi enzimatica dal saccarosio, secondo un processo conosciuto come transfructosilazione.
Dal punto di vista chimico, i frutto-oligosaccaridi sono costituiti da 3-5 unità di monosaccaridi (D-glucosio e D-fruttosio).
I FOS sono molto importanti in campo nutrizionale e salutistico, dove vengono impiegati come dolcificanti "artificiali" e soprattutto come prebiotici. Quest'ultimo termine identifica un gruppo di sostanze indigeribili per l'uomo ma non per la flora batterica che colonizza il suo intestino.

Caratteristiche dei prebiotici e dei FOS
non vengono assorbiti, né idrolizzati nel primo tratto del tubo digerente;
stimolano selettivamente la crescita e/o l'attività di un limitato numero di batteri nel colon;
modificano positivamente il rapporto tra microorganismi simbionti ("amici") e patogeni;
inducono effetti luminali o sistemici positivi per la salute umana.

Meccanismo d'azione ed effetti benefici per la salute

Una volta assunti i FOS raggiungono pressoché inalterati il cieco ed il colon, dove stimolano selettivamente la crescita e l'attività metabolica dei ceppi benefici, come i bifidobatteri infantis, adolescentis e longum. Questi batteri probiotici utilizzano gli zuccheri dei FOS per crescere e riprodursi, producendo acidi organici a corta catena (acetico, lattico e formico) che inibiscono la crescita di patogeni.
Grazie alla loro funzione trofica sulla microflora simbionte, i frutto-oligosaccaridi contrastano quindi la crescita dei microrganismi nemici, quali clostridi, salmonella, candida, stafilococchi, shigelle ed altri ancora. Facilitando la crescita di una flora acidofila a scapito delle specie batteriche ad azione proteolitica putrefattiva, i FOS hanno anche un'azione preventiva sulle putrefazioni intestinali.
Gli acidi grassi a corta catena, oltre a ridurre la proliferazione di patogeni e ad avere proprietà antiputrefattive, sono un ottimo nutrimento per le cellule della mucosa del colon e contribuiscono a migliorarne trofismo ed efficienza.
I FOS si sono dimostrati utili nel ridurre la concentrazione plasmatica di colesterolo e, in misura minore, di trigliceridi. I prebiotici a base di fruttooligosaccaridi possiedono anche un blando effetto lassativo.

I FOS sono indicati in caso di:
stipsi
deficienze digestive e disordini gastrointestinali (colite, diarrea, meteorismo)
ipercolesterolemia
riequilibrio della flora batterica dopo terapia antibiotica
Ulteriori proprietà: i FOS aumentano la digeribilità degli zuccheri del latte riducendo gonfiore e meteorismo; aumentano l'assorbimento e la sintesi di vitamine a livello intestinale; migliorano l'assorbimento minerale (soprattutto di calcio e magnesio); modulano l'assorbimento degli zuccheri (abbassano l'indice glicemico del pasto); prevengono il cancro al colon;migliorano le difese immunitarie.

Come usare i FOS e l'inulina nell'alimentazione?

Integrare i FOS ed inulina nella nostra alimentazione è facilissimo!
Non esistono particolari modalità di assunzione né controindicazioni per il consumo di
FOS ed inulina, non si tratta di integratori, ma di alimenti che "nutrono" la nostra flora intestinale!

La polvere è facilmente solubile ed è possibile mescolarla al latte, al kefir, agli yogurt
o anche semplicemente disciolta in acqua.
I prebiotici, come FOS ed inulina, essendo termoresistenti possono essere aggiunti a prodotti di panificazione come, ad esempio: biscotti, torte e pane.