Differenze tra Kefir artigianale Podere Cittadella e quello industriale

22/12/2017

Esistono diverse grandi differenze sostanziali fra il Kefir artigianale Podere Cittadella e quello industriale (ed in generale gli altri pseudo-kefir industriali in commercio),


Contenuto di fermenti lattici vivi

Il kefir Podere Cittadella è vero kefir ovvero viene realizzato partendo dai granuli di kefir, nel prodotto sono presenti tutti i fermenti del kefir tradizionale (oltre 20 ceppi diversi), quello studiato da tutte le università del mondo per la pluralità di fermenti probiotici presenti; gli pseudo-kefir industriali invece utilizzano colture di fermentazione liofilizzate con una varietà microbica molto più povera, non probiotica, di solito solo contenenti 3 o 4 ceppi che mimano il sapore del vero kefir.

Come mai allora sia il vero kefir Podere Cittadella ed il kefir industriale riportano "kefir"sull'etichetta? Esiste un vuoto legislativo; mentre esiste una legge che definisce le caratteristiche dello yogurt, ad esempio, non esiste una normativa analoga per il kefir perciò i produttori industriali sono liberi di chiamare "kefir" prodotti che kefir non sono, ma gli somigliano alla lontana ed il cui nome corretto sarebbe "latte fermentato".


Metodo di produzione

Il metodo produttivo del vero kefir è molto più complesso ed attento rispetto a quello dello pseudo-kefir in quanto la gestione dei granuli e della fermentazione del latte di kefir necessita di oltre 24 ore per un ciclo produttivo e richiedono un controllo, tempi ed un'attenzione molto più accentuati rispetto alla produzione di pseduo-kefir che è analoga a quella dello yogurt di circa 3-4 ore.


Latte 

La nostra azienda utilizza solo genuino latte italiano, esclusivamente KM ZERO piacentino certificato biologico, munto al mattino e lavorato poco dopo, senza sottrarre nessun prezioso componente nutritivo del latte; la nostra azienda è sottoposta alla supervisione dall'AUSL di Piacenza che effettua controlli bimensili presso il nostro stabilimento, oltre alle analisi sistematiche che effettuiamo nei nostri laboratori microbiologici interni.


Il latte utilizzato nei kefir industriali usualmente non ha una provenienza certificata/indicata cioè il latte di solito proviene dall'Est europeo, dove qualità del latte, metodi di allevamento, benessere animale e controlli sanitari pur accettabili non sono certamente a livello di quelli italiani

Il prodotto estero viene realizzato con latte abitualmente non appena munto, ma che può sostare anche più uno o più giorni prima di essere lavorato. Il latte arrivato alla fabbrica di produzione, come prima cosa, viene sottoposto al trattamento industriale di scrematura per sottrarre la preziosa panna che viene lavorata e venduta a parte, il latte residuo, sotto-prodotto impoverito di questa lavorazione, è utilizzato per la produzione dello pseudo-kefir.