Yogurt al Cocco da 500g

Yogurt al Cocco da 500g

EUR 16,80

Bottigliette di Yogurt al gusto Cocco

Disponibilità: Disponibile
Formato:

Lo Yogurt Artigianale del Podere Cittadella e' prodotto secondo i metodi tradizionali dei luoghi di produzione dove lo yogurt ha avuto origine. Grazie all'utilizzo di ottimo latte fresco di alta qualità appena munto non omogeneizzato e delle migliori composte di frutta possiamo offrire un prodotto dalle pregiatissime qualità sensoriali. La fermentazione lenta del latte in 16 ore permette di ottenere uno squisito yogurt valorizzato da una ricchezza di sapore ed una molteplicità di aromi impossibile da ottenere con la normale fermentazione industriale veloce di 3 ore.

Tutte le fasi di lavorazione avvengono sotto la supervisione del nostro mastro artigiano usufruendo del minimo apporto di macchinari, avvalendoci di una madre di fermenti fresca mantenuta prelevando di volta in volta la quantità necessaria alla fermentazione ed aggiungendo nuovo latte; i ceppi di St.termophilus e Lb. bulgaricus utilizzati sono sono stati selezionati dai granuli naturali di kefir e dal lassi, il buonissimo yogurt tradizionale indiano.
La comoda confezione in bottiglietta dal simpatico disegno e l'armonioso rapporto di fluidità e cremosità ne fanno uno yogurt ideale per il consumo in ogni momento e situazione delle nostre giornate sempre più in movimento.

La noce di cocco è composta per il 50% circa da acqua, dal 9,4% da fibre, dal 14 % da carboidrati, dal 10% da zuccheri e da lipidi.
Discreta la quantità presente di minerali presente nella noce di cocco, tra i quali citiamo zinco, potassio, ferro, rame, magnesio, fosforo, sodio.

Sul fronte delle vitamine la noce di cocco contiene Vitamina B1, B2 ( in piccolissima percentuale ), B3, B5 e B6; in seguito troviamo l'acido ascorbico, o vitamina C, vitamina E, K e J.
Per quanto riguarda gli aminoacidi questi quelli presenti in maggior percentuale: acido glutammico, arginina, acido aspartico, fenilalanina, glicina, isoleucinana, serina, treonina, e cistina.

Essendo la noce di cocco ricca di potassio rappresenta un ottimo alimento ricostituente per reintegrare i sali minerali in caso di bisogno; la buona presenza di vitamina B e C la rende utile nel trattamento di alcuni disturbi quali possono essere la debolezza in generale, problemi di nervosismo e i disturbi urinari. Secondo alcuni studi la noce di cocco aiuterebbe ad eliminare l'aria presente in eccesso nello stomaco e nell'intestino e avrebbe anche proprietà utili al fine di eliminare le tossine presenti nell'apparato digerente.

L'acqua di noce di cocco è un alimento caratterizzato da molte proprietà e benefici che si esplicano nei confronti dell'organismo umano:contiene pochi grassi, molti microelementi, elementi minerali e vitamine che contribuiscono al mantenimento di un organismo sano. La sua assunzione genera benefici al sistema immunitario rinforzandolo, ha effetti positivi sul sistema nervoso, aiuta la digestione, ed ha proprietà rigenerative a livello cellulare.
L'acqua di noce di cocco, per le sue caratteristiche, è considerata un ottimo sostituto del plasma sanguigno in quanto è una sostanza sterile che non distrugge i globuli rossi ed è tollerato senza difficoltà dall'organismo umano.
Infatti durante la seconda guerra mondiale e successivamente durante la guerra del Vietnam, l'acqua di noce di cocco veniva direttamente iniettata ai feriti quando non vi era a disposizione il siero del sangue.

Cocco, alleato di
Fegato, apparato digerente, cervello, vescica, sistema immunitario, sistema nervoso, ossa.

In botanica, il cocco è il frutto di Cocos nucifera (Fam. Arecaceae), la palma da cocco: si tratta di una pianta longeva e possente, tipica dei Paesi a clima caldo-temperato; originaria dell'Indonesia e simbolo delle isole del Pacifico, la palma da cocco viene tuttora largamente coltivata in India, Tailandia, Messico e Brasile.
La palma da cocco si presta a moltissimi scopi: a tal proposito, viene comunemente fregiata dell'appellativo "re dei vegetali".
Descrizione botanica

Palma da CoccoLa palma da cocco è una monocotiledone arborea, robusta, capace di raggiungere anche altezze elevate (30/40 metri). La pianta sopravvive in ambienti ostili, in terreni sabbiosi e sostiene gradi elevati di salinità.

L'intero tronco, colonnare e slanciato, è ricoperto da cicatrici di forma anulare delle foglie cadute e dei racemi; le foglie apicali, pennate e lunghe sino 5 metri, costituiscono una corona. Le infiorescenze, costituite da gruppetti di fiori gialli, sono spadiciformi e racemose. I frutti, invece, sono le noci di cocco, drupe ovali e voluminose, dal peso di 0,5-1,5 chili ciascuna: ogni drupa è avvolta, all'esterno, da un'esocarpo liscio, da un involucro fibroso (mesocarpo) nella parte mediana, mentre l'endocarpo è legnoso e molto duro.
La parte interna, commestibile, è costituita da una polpa bianca dal sapore piacevole, dolce e delicato, contenente il latte di cocco.
Esistono diverse varietà di palme da cocco: le varietà alte sono generalmente molto longeve e sopravvivono anche oltre gli 80 anni. Le palme da cocco nane, come preannuncia il termine stesso, raggiungono altezze nettamente inferiori rispetto alla varietà precedente (max. 12 metri). Esistono, poi, altre varietà di palme da cocco che non s'inseriscono né tra le varietà alte, né tra quelle nane, poiché presentano caratteri peculiari ed intermedi.

Impieghi del cocco

Il cocco si presta a moltissimi scopi: l'acqua contenuta all'interno del frutto, la cosiddetta acqua di cocco, vanta proprietà rinfrescanti, diuretiche e blandamente lassative. Ma non è tutto: il liquido viene utilizzato anche per la preparazione di bevande fermentabili, quali ad esempio i vini di palma.

La polpa, utilizzata a scopo alimentare, dev'essere consumata fresca; ancora, è utilizzata per estrarre l'olio di cocco oppure per la produzione di farina di cocco.
L'olio di cocco (o margarina), di elevata rilevanza economica, è ricavato dalla mandorla (copra) del frutto: questa rappresenta la matrice per la produzione dell'olio, dato il suo elevato contenuto in termini lipidici (65% di grasso).

Talvolta, l'olio di cocco viene utilizzato anche come mangime per animali: dalla copra, si ottengono infatti sottoprodotti, noti come pannelli di copra, utili a questi fini.

Attraverso l'incisione delle infiorescenze, si ricava una linfa utile per la produzione di aceto di palma, vino, zucchero ed acquavite. Anche le gemme giovani (o cavoli di palma di cocco) possono essere utilizzate per l'alimentazione.
A Tahiti, si ritiene che il latte di cocco sia particolarmente indicato per i malati ed i convalescenti, poiché nutre senza appesantire lo stomaco.

Ad ogni modo, il cocco non viene sfruttato solamente in ambito alimentare: infatti, le fibre del mesocarpo sono utili per realizzare tappeti, corde, cappelli, spazzole e canestri.

L'olio ricavato dal cocco viene utilizzato anche nell'industria cosmetica per la produzione di saponi, schiume e creme da barba, grazie al suo potere schiumogeno. Ancora, il latte di cocco applicato sulla cute sottoforma di creme od unguenti, esplica proprietà emollienti e lenitive, rendendo la pelle morbida ed elastica: a tal proposito, è particolarmente indicato per le pelli secche ed aride.

Della palma da cocco, si utilizza anche il tronco: il legno è utilizzato per la produzione di mobili o, addirittura, per la costruzione di case tipicamente rurali. Anche le foglie sono utilizzate in ambito "edilizio" per la copertura di tetti di capanne.
L'olio di cocco viene utilizzato anche in ambito fitoterapico, per la realizzazione di prodotti antivirali, antifungini, antiprotozoari, antimicrobici ed antisettici (disinfettanti).

La noce di cocco è il frutto della palma di cocco (nome scientifico Cocos nucifera ), una pianta appartenente alla famiglia delle Arecaceae e originaria dell'Indonesia; si tratta di una pianta che può vivere parecchi anni, anche più di 100, e che può superare i 35 metri di altezza. Le sue foglie sono molto lunghe, misurano normalmente dai 4 ai 6 metri.

La noce di cocco viene coltivata in quasi tutti i paesi tropicali, in modo specifico in Thailandia, India, ed Indonesia; al momento dell'acquisto, onde poterne verificare la freschezza, è bene scuoterla per accertarsi della presenza al suo interno dell'acqua. L'assenza di quest'ultima ne pregiudicherebbe senza dubbio la freschezza.
Oltre che intera la noce di cocco la si può trovare in vendita in diversi modi: essiccata, a bagno nel latte, grattugiata e grigliata.

Per qualsiasi domanda, consiglio e chiarimento scrivete al nostro esperto Tecnologo Alimentare sempre a vostra disposizione!