Muira Puama in Tintura Madre

Muira Puama in Tintura Madre

EUR 8,90

flacone da 50ml
Vanta note proprietà, il nome deriva da 2 vocaboli indios che vogliono dire legno potente. Utilizzata come afrodisiaco, è stimata per le sue attività stimolanti&digestive, neurotoniche, antireumatiche, antinevralgiche.

Disponibilità: Disponibile

Muira puama, anche chiamato "albero della potenza", è un piccolo albero che cresce fino a 5 m di altezza ed è tipico dell'Amazzonia brasiliana e di altre zone della foresta pluviale. Il genere Ptychopetalum è piuttosto ridotto: solo due specie di piccoli alberi crescono nelle aree tropicali del Sud America e in cinque zone dell'Africa. Le due varietà sudamericane, la P. olacoides (che si trova in Brasile, Guinea francese, Guinea e Suriname) e la P. uncinatum (che cresce solo in Brasile), vengono usate intercambiabilmente nella medicina erboristica del Sud America, anche se di solito viene preferita la varietà olacoides, poiché ha un più alto contenuto di lupeolo. Una completamente differente specie di albero brasiliano, la Liriosima ovata, viene anche chiamata comunemente Muira puama, ma è totalmente differente anche per composizione fitochimica.

Le prime ricerche sulla fonte dell'efficacia di Muira puama sono iniziate negli anni '20. I primi ricercatori scoprirono che la corteccia e la radice erano ricche di acidi grassi e di acidi grassi esteri, oli essenziali (inclusi il beta-cariofillene e l'alfa-humulene), steroli vegetali, triterpeni (fra cui il lupeolo) e un nuovo alcaloide, denominato muirapuaminina. Le ricerche sono state poi riprese più recentemente negli anni '60 e alla fine degli anni '80. Questi studi hanno indicato fra i costituenti attivi anche una lunga catena di acidi grassi, sesquiterpeni, monoterpeni e nuovi alcaloidi.

PROPRIETA' E AZIONI
aumenta la libido
promuove la funzione sessuale
calma i nervi
allevia la depressione
potenzia la memoria
protegge le cellule cerebrali
Altre azioni:
tonico maschile
allevia il dolore
riduce la stanchezza
abbassa la pressione sanguigna
previene le ulcere

In uno dei primi studi, i ricercatori indicarono che Muira puama era efficace nel trattare i disturbi del sistema nervoso e l'impotenza sessuale, e che "viene prodotto un effetto permanente nella atassia locomotoria, nevralgie da posizione eretta prolungata, reumatismi cronici e paralisi parziale". Nel 1930 Meiro Penna scrisse sulla Muira puama nel suo libro Notas Sobre Planta Brasilerias, citando esperimenti psicologici e terapeutici condotti in Francia dal Dott. Rebourgeon che confermavano l'efficacia della pianta per "l'astenia gastrointestinale e circolatoria e per l'impotenza degli organi genitali.".

I benefici di trattare l'impotenza con muira puama sono stati studiati in due studi umani in Francia: la Muira puama ha dimostrato di essere efficace nell'aumentare la libido e nel trattamento della disfunzione erettile. In uno studio francese su 262 pazienti che erano affetti da mancanza di desiderio sessuale e da incapacità di raggiungere o mantenere l'erezione, il 62% dei pazienti con la perdita di libido hanno riportato che un estratto di Muira puama "aveva effetti dinamici", e il 51% dei pazienti con disfunzioni erettili hanno riscontrato benefici con Muira puama. Il secondo studio ha valutato gli effetti psicologici benefici di Muira puama su 100 uomini che soffrivano di debolezza sessuale. Ad un dosaggio di 1,5g di estratto al giorno, è stato riportato che Muira puama potrebbe "aumentare la libido (nell'85% dei casi), aumentare la frequenza dell'intercorso (nel 100% dei casi) e l'abilità di mantenere l'erezione (nel 90%)".

Da un'altra ricerca clinica è stato riportato che gli estrati di Muira puama hanno effetti adattogeni, antifatica, antistress e benefici sul sistema nervoso centrale. Un estratto speciale di radice di Muira puama è stato brevettato per la sua capacità di "alleviare la stanchezza fisica e mentale" e "migliorare la costituzione debole". Ricercatori brasiliani hanno documentato un definito effetto sul sistema nervoso centrale della corteccia della pianta, che ha anche dimostrato un leggero e temporaneo effetto ipotensivo. E' stato inoltre scoperto che la radice può inibire le ulcere causate dallo stress, mentre la foglia può avere effetti analgesici. Un altro brevetto statunitense su muira puama sostiene che, con un uso prolungato, la pianta "può ridurre la percentuale di grasso, aumentare la massa muscolare e abbassare il colesterolo".
Le ricerche più recenti confermano inoltre l'uso tradizionale di Muira puama come coadiuvante per la memoria e i disturbi nervosi. Ricercatori brasiliani nel 2003 hanno riportato che un estratto alcolico di muira puama facilitava il recupero della memoria e poteva essere benefica per il morbo di Alzheimer. Lo studio successivo (2004) ha riportato che un estratto alcolico di muira puama può proteggere e aumentare la vitalità delle cellule cerebrali e, quindi, potrebbe essere benefica per le vittime di ictus.

Storicamente, tutte le parti di Muira puama venivano usate in ambito medico, ma la corteccia e le radici erano le parti più usate.

La pianta dalle note proprietà, Muira puama il cui nome deriva da due vocaboli indios che vogliono dire legno-forte, legnopotente è una pianta originaria dell'Amazzonia brasiliana era utilizzata dagli indigeni come afrodisiaco in decotto e per semicupi e che secondo la tradizione erboristica viene utilizzata per le sue persunte attività stimolanti e digestive, neurotoniche; antireumatiche, antinevralgiche.

Tonico, Afrodisiaco, Anti �€"reumatico, Anti-stress, Anti-dissenteria, Stimolante del Sistema nervoso centrale, Neurastenico, contro la Dismenorrea e la Sindrome premestruale, come medicamento nervino. Il suo uso è indicato in molti casi di impotenza sessuale, ma anche nella diminuzione della libido e nei casi di astenia psichica.

Molti studi hanno dimostrato che un ciclo di assunzione di Muira puama per due/tre settimane, rispettando la dose consigliata, migliora lo stato erettile in generale, le funzioni sessuali, il vigore ed il desiderio sia nell'uomo che nella donna. Ottimo come stimolante nervoso. Usata nei casi di impotenza, diminuzione della libido, astenia psichica, stanchezza fisica ed intellettuale. Agirebbe sui sistemi "catecolaminergici" del sistema nervoso centrale ed i suoi principi attivi funzionerebbero da precursori dei neurosteroidi cerebrali. Sia i sistemi catecolaminergici cerebrali che i neurosteroidi sono tra i principali responsabili del desiderio sessuale oltre che dell'aspetto di gratificazione propria che deriva dal compimento dell'atto.

La loro azione benefica non si ferma però qui, poiché catecolamine e steroidi sovrintendono al determinante ruolo di generare la sensazione di energia e vitalità fisica complessiva, ne deriva una azione rivitalizzante generale che ha positivi influssi sullo stato generale. La cosa straordinaria è che, sembra assodato che stimola i centri nervosi spinali responsabili dell'erezione maschile, e può anche, se assunta dalla donna, provocare un inturgidimento dei genitali femminili con conseguente aumento del desiderio e del piacere.

In erboristeria veniva apprezzata anche per le proprietà stimolanti e digestive, antireumatiche, antinevralgiche e neurotoniche. Contiene un alcaloide (muirapuamina) simile alla yohimbina che avrebbe azione alfa-bloccante e vasodilatatrice tale da giustificare l'uso afrodisiaco della pianta.

Scrive Cattorini: I preparati di Muira puama hanno dato soddisfacenti prove nella cura delle astenie gastrointestinali e circolatorie, nella atonia ovarica, nei casi di inappetenza e di dispepsia e, per le proprietà neurotoniche, oltre che nei casi di impotenza genesica, negli esaurimenti e nelle depressioni nervose.

Utilizzo della Tintura Madre

30/50 gocce in poca acqua 2-3 volte al dì secondo le esigenze personali.