Argilla Bianca

Argilla Bianca

EUR 5,90

sacchetto da 500g

Disponibilità: Non disponibile
Tags: Polvere

L'argilla rappresenta una miscela viva di sostanze alluminio-silicilate che deriva dalle rocce granitiche; è conosciuta anche per le proprietà antisettiche (disinfettanti), battericide, cicatrizzanti e deodoranti.

Argilla bianca

In base allo stato di ossidazione del ferro presente, l'argilla appare bianca o verde: in fitoterapia, l'argilla bianca (caolino), ha proprietà riequilibranti, cicatrizzanti e stimolanti.

Argilla in cosmesi

Anche la cosmesi trae vantaggio dall'argilla, sfruttata per la formulazione di prodotti (ad uso topico) anticellulite, antismagliature, in lozioni per rallentare la caduta dei capelli e in cosmetici anti-age (l'argilla contrasta la formazione di rughe e ne ostacola la comparsa). Inoltre, l'argilla vanta notevoli capacità emulsionanti, essendo in grado di assorbire molecole idrofile - cioè solubili in acqua - e lipofile (oli): la formulazione che ne deriva risulta omogenea, stabile e ben emulsionata.
In erboristeria sono molto richieste le maschere a base di argilla, da applicare direttamente sulla pelle del viso, o su tutto il corpo: posta a contatto con l'acqua, l'argilla forma una massa densa simile al fango, che si solidifica dopo una decina di minuti. L'azione esercitata dall'argilla è quella di esfoliare la pelle, togliendo le cellule dello strato corneo: in tal modo, la pelle appare liscia, levigata e morbida.
L'utilizzo dell'argilla rappresenta un ottimo rimedio anche per alleggerire disturbi della pelle quali eczemi, allergie, foruncoli, infiammazioni, acne, punti neri e scottature: infatti, questa sostanza minerale è capace di assorbire le tossine e "purificare la cute", favorendo, inoltre, la circolazione del sangue.

Altri impieghi dell'argilla

È una buona pratica fitoterapica associare l'argilla a sostanze curative, sia medicinali che fitoterapiche: infatti, se applicata in una ferita insieme a medicamenti scelti dallo specialista, non esercita solamente proprietà meccaniche (favorisce l'adesione del farmaco alla ferita), ma concorre alla rimarginazione della ferita stessa.
L'utilizzo dell'argilla si spinge oltre la fitoterapia e la cosmesi: è utilizzata anche per deodorare la cucina ed il frigorifero, poiché riesce ad assorbire e a "nascondere" gli odori.
È opportuno sottolineare che le attività derivate dall'argilla non sono dovute ad una particolare componente, ma è la sua composizione totale che le determina: tutti i minerali e le sostanze che la compongono agiscono in sinergia potenziando l'effetto finale.

Proprietà dell'argilla - Passato e presente dell'argilla

Per le sue innumerevoli proprietà, l'argilla cattura da sempre l'attenzione di cosmetologi, erboristi e medici. Basti pensare che già nell'antichità l'argilla veniva sfruttata in ambito cosmetico per le sue proprietà emulsionanti e pseudo plastiche: questo materiale naturale, dalla consistenza pressoché inimitabile, si rivelava particolarmente adatto per preparare maschere viso ed impacchi.
Anche le proprietà antinfiammatorie e detossinanti dell'argilla sono conosciute fin dai tempi più remoti: la conferma ci perviene da alcuni antichi reperti che testimoniano l'utilizzo dell'argilla come ottimo rimedio contro scottature solari ed ustioni. Ma non è tutto: l'argilla veniva utilizzata già nella preistoria come medicamento ad uso interno sia per lenire mal di pancia e mal di stomaco sia per combattere la diarrea.
Tutte le proprietà appena elencate trovano un effettivo riscontro nella medicina naturale e nella moderna cosmesi.
Le virtù dell'argilla non dipendono semplicemente da una sola sostanza, quanto piuttosto dall'interazione dei vari elementi da cui è composta.

Un passo indietro per capire...

L'argilla è un materiale naturale, di derivazione minerale, composto da una miscela viva di sostanze alluminio-silicate. Più precisamente, l'argilla è fonte inesauribile di silicio, alluminio, ferro, calcio, titanio, sodio, potassio, magnesio e manganese. In base alla concentrazione di ferro ed al suo stato chimico, l'argilla assume una sfumatura cromatica differente. I tipi di argilla più conosciuti sono:
Argilla verde: il ferro contenuto nell'argilla è bivalente
Argilla rossa: il ferro presente è tetravalente
Argilla bianca: il ferro è scarsamente presente

Argilla per uso esterno

In dermocosmesi, le argille sono materiali largamente impiegati per preparare maschere ed impacchi dalle proprietà detossinanti, idratanti, lenitive, antinfiammatorie ed antiacneiche. Ricordiamo brevemente che le argille sono inerti per l'epidermide e, in base alle loro caratteristiche chimico-fisiche, sono in grado di interagire con la cute predisponendola a ricevere i principi attivi funzionali in esse incorporati.

L'argilla non è un farmaco perché, non attraversando le membrane cellulari, non può entrare nel circolo ematico: l'effetto simil-terapico esercitato dalle preparazioni cosmetiche a base di argilla è espressione dei vari eventi che si manifestano tra la superficie delle particelle di argilla e la zona di applicazione.

Di seguito, sono descritte le proprietà dell'argilla comunemente sfruttate in cosmesi ed in medicina popolare (uso esterno):

PROPRIETÀ EMULSIONANTI E PSEUDO PLASTICHE: caratteristica cardinale dell'argilla che ne definisce il grado di spalmabilità e di malleabilità sulla pelle. Al tatto, le argille appaiono untuose e grasse. Dopo essere state stemperate in acqua, le particelle di argilla si gonfiano e rimangono in sospensione per lungo tempo. È proprio questa qualità - tipica dei colloidi - che rende le argille una materia prima largamente utilizzata in ambito cosmetico nella stabilizzazione dei sistemi emulsionanti.

Curiosità

Oltre alla componente argillosa, le argille presenti in natura contengono anche una frazione sabbiosa; il rapporto tra le due componenti determina il cosiddetto grado di grassezza, di conseguenza la plasticità. Per le interessanti caratteristiche funzionali e formulative, le argille grasse composte da una piccola frazione sabbiosa sono probabilmente quelle più apprezzate nei preparati cosmetici e nelle formulazioni.

PROPRIETÀ DETERGENTI/DETOSSINANTI: alcune argille, dopo essere state inumidite con l'acqua, fungono da detergenti. Non a caso, prima dell'ingresso dei saponi su larga scala industriale, per la pulizia del viso e delle mani si era soliti utilizzare l'argilla sfruttandone le proprietà detersive (ma non schiumogene). Le argille sono infatti in grado di eliminare le impurità dalla pelle senza generare schiuma: le particelle che compongono l'argilla attirano e fissano sporco, grasso ed impurità sulla loro superficie attraverso un processo di adsorbimento. Dopo essere state applicate sulla pelle sottoforma d'impacco o maschera, le argille iniziano ad essiccarsi lentamente sottraendo alla pelle le impurità presenti, agendo dunque come una sorta di detergente.

PROPRIETÀ COPRENTI: sfruttate spesso per la realizzazione di prodotti per il make-up ad azione coprente (fondotinta, terre, ciprie ecc.).

PROPRIETÀ IDRATANTI: il termine idratante riferito alle proprietà dell'argilla è utilizzato in modo improprio. Più precisamente, l'argilla è in grado di creare una certa occlusività cutanea che, riducendo l'evaporazione di acqua dall'epidermide, idrata indirettamente la pelle nella zona in cui è stata applicata (il termine giusto è quindi "emolliente"). Riducendo la perdita d'acqua e di vapore dalla cute, l'argilla favorisce nel contempo la penetrazione delle sostanze attive, in essa contenute, nei tessuti superficiali dove viene applicata.

PROPRIETÀ ANTISETTICHE/CICATRIZZANTI: l'applicazione di argilla sulla pelle viene utilizzata come rimedio naturale contro prurito, eritema solare, piaghe e screpolature della pelle. Le argille più indicate a tale scopo sono quelle sgrassanti, ricche in magnesio e calcio; deodorando e risanando le piaghe dolenti, le argille sgrassanti favoriscono una più rapida cicatrizzazione della lesione. Le proprietà antisettiche dell'argilla sono utilizzate anche nell'ambito della medicina popolare per la realizzazione di lavande vaginali esterne disinfettanti (per preparare la soluzione, si sciolgono 3-4 cucchiaini di argilla in un litro d'acqua)

PROPRIETÀ DEODORANTI: l'argilla viene talvolta impiegata come rimedio contro l'eccessiva sudorazione dei piedi, per tenere sotto controllo l'odore dei piedi. A tale scopo, l'argilla viene sfruttata anche per le sue proprietà antisettiche.

PROPRIETÀ RIMINERALIZZANTI: l'argilla è un materiale di derivazione minerale, dunque ricco di silice, magnesio, ferro alluminio, calcio e molti altri minerali. A tale scopo, l'argilla viene sfruttata anche per le proprietà rimineralizzanti.

PROPRIETÀ ANTIRUGHE: utilizzata sottoforma di maschera od impacco, l'argilla rientra nella lunga lista dei rimedi contro le rughe. Per lo stesso motivo, l'argilla è utilizzata anche per trattare o migliorare l'aspetto di pelli mature e disidratate.
PROPRIETÀ ESFOLIANTI: applicata sul viso sottoforma di cataplasma o maschera, l'argilla leviga la cute favorendo l'eliminazione di macchie sulla pelle e di piccoli inestetismi. Rimuovendo le cellule più superficiali dallo strato corneo, l'argilla funge da blando esfoliante. Per potenziarne le virtù leviganti, si consiglia di aggiungere alcune gocce di succo di limone o di altri frutti ricchi di acido malico (noto esfoliante naturale).

PROPRIETÀ SBIANCANTI: le argille bianche (caolino) rientrano spesso nella formulazione di colluttori e dentifrici ad azione sbiancante.

L'argilla bianca è l'ingrediente indispensabile per fare maschere di bellezza. La sua particolarità sta nel fatto che, essendo meno adsorbente dell'argilla verde, è più indicata per le pelli sensibili (non secca la pelle e, proprio come un peeling, rimuove in maniera molto delicata i frammenti di cellule desquamate).

CONSIGLIATO

A chi ha la pelle sensibile e cerca un prodotto naturale per fare maschere cosmetiche.

Maschera all'argilla

Che cos'è la maschera all'argilla?

Le maschere all'argilla rappresentano un eccellente supporto al trattamento di alcune affezioni cutanee e, su indicazione del medico, possono essere utilizzate persino come complemento alla terapia di acne o seborrea. Non a caso, le proprietà antinfiammatorie e detossinanti, rendono l'argilla un utilissimo presidio per il trattamento di dermatosi, in particolare contro l'infiammazione di ghiandole pilo-sebacee e follicoli piliferi.
Le maschere all'argilla non sono trattamenti dermocosmetici moderni, tutt'altro: difatti, l'impiego dell'argilla come base per oli essenziali nella preparazione di impacchi e maschere è noto fin dai tempi più antichi.
Se molti sanno che le maschere all'argilla sono eccellenti rimedi contro le pelli grasse, pochi sono a conoscenza delle loro altre innumerevoli proprietà. Ricordiamo, inoltre, che esistono differenti tipi di maschere minerali: in base alla concentrazione di ferro presente ed al suo stato chimico, le argille assumono una colorazione diversa; come vedremo nel corso dell'articolo, queste preparazioni cosmetiche vengono destinate ad un tipo di pelle piuttosto che un altro proprio in base al tipo di argilla considerato.
Impieghi in cosmesi

Nei saloni di bellezza, le maschere viso all'argilla sono richieste per soddisfare le esigenze più disparate.
Le maschere all'argilla più gradite sono senza dubbio quelle ad azione purificante e detossinante per combattere acne, punti neri e foruncoli. Ancora, queste preparazioni dermocosmetiche levigano ed ammorbidiscono la cute esfoliandola delicatamente. Applicate su gambe, cosce, glutei o pancia, le maschere all'argilla possono essere utilizzate anche per contrastare cellulite e smagliature.
Non possiamo poi dimenticare l'azione antirughe esercitata dall'argilla: per questo motivo, molte donne non più giovanissime la richiedono in maschere viso ad azione antiage.

Tipo di argilla utilizzato nella maschera
Indicazione
Argilla verde
Le maschere all'argilla verde sono particolarmente indicate contro l'acne. L'argilla verde adsorbe efficacemente le tossine dalla pelle, depurandola in profondità.
Argilla bianca
Le maschere all'argilla bianca, le più delicate in assoluto, sono indicate per lenire ed ammorbidire la pelle; per questo, sono adatte alle pelli sensibili.

Come agiscono

Posta a contatto con l'acqua, l'argilla forma una massa molto densa e viscosa simile al fango che solidifica in una decina di minuti. I preziosi minerali racchiusi nell'argilla (silice, magnesio, ferro, alluminio, calcio ecc.) vengono adsorbiti dalla cute che, in cambio, cede le tossine accumulate nel tessuto: così facendo, l'argilla purifica l'epidermide, stimolando nel contempo il microcircolo. Per questa ragione, dopo l'utilizzo, le maschere all'argilla vanno buttate.

Preparazione

Prima di preparare una maschera all'argilla, è necessario procurarsi contenitori in plastica o ceramica; quelli in metallo sono sconsigliati perché potrebbero alterare il prodotto. Anche i cucchiai per mescolare la pasta d'argilla dovrebbero essere in legno: da evitare dunque i cucchiai in metallo.
Quando tutta la strumentazione è stata allestita, si procede con la preparazione della maschera. La prima cosa da fare è reidratare la polvere d'argilla - eventualmente arricchita di miscele oleose ed oli essenziali - aggiungendo gradualmente l'acqua. Una volta aggiunto il liquido, si consiglia di iniziare a mescolare l'impasto solo dopo 15-20 minuti, in modo da lasciare all'argilla il tempo necessario per inglobare lentamente l'acqua ed idratarsi spontaneamente. Così facendo si evita di alterare la consistenza finale della maschera.
Le altre sostanze funzionali possono essere addizionate proprio in questa fase: durante l'aggiunta degli ingredienti attivi si suggerisce di mescolare energicamente ed in modo continuo fino ad ottenere una consistenza densa ma sufficientemente spalmabile. Nel caso la maschera all'argilla fosse troppo corposa e densa, è necessario aggiungere altra acqua per renderla più fluida.

Attenzione: quando la consistenza dell'impasto all'argilla è troppo fluida, si rischia che la maschera non aderisca alla pelle, vanificando l'effetto "depurativo"

Applicazione

Prima di procedere con l'applicazione della maschera d'argilla sul viso, è necessario togliere ogni traccia di trucco dalla pelle utilizzando un detergente struccante specifico ed abbondante acqua tiepida. Le maschere d'argilla richiedono infatti un'applicazione su pelli accuratamente deterse ed asciutte; per questa ragione, è importante porre particolare attenzione alla pulizia del viso.
La maschera all'argilla va applicata con un pennellino a setole morbide oppure spalmata con i polpastrelli. La maschera deve aderire perfettamente alla pelle del viso, senza risultare troppo irritante o particolarmente appiccicosa. In genere, il prodotto viene applicato a partire dal mento, per coprire poi il collo e tutto il viso fuorché contorno occhi e perimetro delle labbra.
La maschera all'argilla va asportata dalle pelle non appena il prodotto si secca. Nel caso l'argilla si asciugasse velocemente, si consiglia di arricchire - la volta successiva - l'impasto con oli vegetali o miele per evitare di disidratare eccessivamente la pelle.
Per mantenere quanto più a lungo la pelle morbida, idratata e luminosa, dopo la rimozione della maschera all'argilla si consiglia di applicare sul viso un generoso strato di crema (es. crema nutriente/emolliente, crema antirughe, crema all'acido ialuronico, crema antiacne ecc.).
Cataplasma

Con il termine "cataplasma" s'intende un tipo di maschera all'argilla molto morbida, che va applicata sulla pelle sottoforma d'impacco. Normalmente, si spalma sulla pelle uno straterello di cataplasma non più spesso di 2 cm; successivamente, si avvolge la cute con un telo per limitare quanto più possibile l'evaporazione dell'acqua. Non coprendo la pelle con il telo, l'acqua evaporerebbe eccessivamente rendendo l'argilla troppo abrasiva. Dopo un periodo di tempo di posa variabile dai 15 ai 25 minuti, il cataplasma - che dev'essere ancora umido ma compatto - viene rimosso. Chiaramente, per motivi igienici e funzionali, l'argilla non va riutilizzata.

N.B.
ARGILLA BIANCA SUPERVENTILATA E DEBATERIZZATA NON UN MEDICINALE NE' UN INTEGRATORE ALIMENTARE.
TUTTE LE INFORMAZIONI IN QUESTA PAGINA DESCRIVONO LE CARATTERISTICHE UNIVERSALMENTE RICONOSCIUTE DEI PRODOTTI DESCRITTI E GLI UTILIZZI TRADIZIONALI.
KEFIR.IT PROVVEDERA' IMMEDIATAMENTE A RIMUOVERE E/O CORREGGERE OGNI ERRORE, IMPRECISIONE E/O REFUSO SEGNALATO (INFO@KEFIR.IT)