Artiglio del diavolo composto

Artiglio del diavolo composto

EUR 13,00

Flacone da 100 capsule da 375mg
Integratore alimentare! Contro gli effetti dannosi sull'apparato scheletrico e muscolare.

Disponibilità: Non disponibile
Tags: Integratori

L'Artiglio del diavolo è ormai molto noto per le proprietà antidolorifiche e antiinfiammatorie. L'estratto è quindi indicato nei casi di artrite e di altre affezioni reumatologiche, nonché in casi di dolore diffuso anche di origine traumatica. L'attività è ascrivibile all'intero fitocomplesso (arpagoside, beta-sitosterolo, iridoidi), il quale si è dimostrato molto efficace anche in varie forme di artrosi.
Le proprietà analgesiche ed antinfiammatorie dell'artiglio del diavolo sono state confermate da numerosi studi condotti in vitro, su roditori e su esseri umani. Molti di questi hanno paragonato l'efficacia di comuni prodotti antinfiammatori a quella degli estratti naturali di Arpagofito. In molti casi i risultati sono stati incoraggianti e, anche quando è stato messo a confronto con il placebo, l'artiglio del diavolo ha sempre confermato le proprie virtù terapeutiche.

Artiglio del diavolo è il nome dialettale dell'Arpagofito (Harpagophytum procumbens), una pianta perenne rampicante appartenente alla famiglia delle Pedaliacee. Diffuso nell'Africa Sud-Occidentale ed in particolare nel deserto del Kalahari, nelle steppe della Namibia e nel Madagascar, l'artiglio del diavolo deve il suo nome alle quattro appendici dure e nastriformi che caratterizzano i suoi frutti ovoidali. Queste escrescenze sono dotate di robusti uncini che, penetrando nel corpo o nelle zampe degli animali, procurano serie ferite, costringendoli a compiere una danza "indiavolata".

La parte usata a scopo medicamentoso deriva dalle escrescenze laterali della radice (dette radici secondarie) che contengono alte percentuali di princìpi attivi.
Nella medicina tradizionale sud-africana l'artiglio del diavolo viene utilizzato da secoli per la cura di vari problemi come malattie reumatiche, dolori articolari, febbre e fastidi allo stomaco. Ciò che è stato constatato empiricamente dalle popolazioni locali è stato poi confermato dagli studi del tedesco Schmidt che lo hanno condotto allo scoperta di tre glicosidi (harpagosid, harpagid e procumbid), ritenuti responsabili degli effetti analgesici e antipiretici dell'arpagofito.

La Spirea è considerata l'alternativa fitoterapica all'aspirina, è quindi dotata di una grande capacità antiinfiammatoria e drenante. I principi attivi più rilevanti sono derivati salicilici e flavonoidi. È indicata soprattutto negli stati febbrili e nei dolori articolari, anche grazie ad una discreta capacità diuretico-drenante (importante negli edemi).

Uso:
Dolori articolari e muscolari sia cronici che traumatici, stati infiammatori ed edematosi.

Ingredienti
Artiglio del diavolo radice 24% micronizzato, Artiglio del diavolo radice 16% estratto secco titolato al 1,5% aroagoside, Salice(Salix Alba) corteccia 16% micronizzato, Salice(Salix Alba) corteccia 16% estratto secco titolato al 3% salicina, Spirea(Filipendula Olmaria) sommità fiorite 8% micronizzata.

Modo d'uso
1-2 capsule tre volte al giorno prima dei pasti.

Avvertenze
Non eccedere nella dose giornaliera raccomandata. Gli integratori non vanno intesi come sostituto di una dieta variata, equilibrata e di un sano stile di vita. Tenere fuori dalla portata dei bambini al di sotto dei tre anni. Conservare in luogo fresco ed asciutto.