Tisana Armonia

Tisana Armonia

EUR 3,90

Miscela officinale di camomilla, melissa, tiglio argentato e biancospino, per una pausa di relax ed un riposo tranquillo, gradevole e rilassante.

Disponibilità: Disponibile
Formato:
Tags:

La tisana del Relax è una miscela dal gradevolissimo sapore per un momento di pausa e relax che unisce anche i doni delle erbe officinali che la compongono, in grado di donare calma e buon riposo.

Camomilla. Tra le più note e utilizzate pinte "rilassanti" c'è sicuramente la camomilla (Chamomilla recutita) la cui azione blandamente sedativa dipende dalla presenza di apigenina, che si lega direttamente agli stessi recettori ai quali si legano le benzodiazepine, farmaci ansiolitici. Ciò la rende un rimedio per attenuare l'ansia e l'irritabilità, curare l'insonnia e altri disturbi del sonno, anche se a dosi troppo elevate può indurre effetti opposti.

Biancospino. I fiori e i frutti del biancospino (Crataegus oxyacantha o monogyna) contengono tannini e flavonoidi in grado di agire a livello del sistema nervoso centrale riducendo l'emotività e gli stati di tensione e migliorando il sonno.

Melissa. Questa pianta (Melissa officinalis) è un ottimo rimedio contro le insonnie sporadiche, specie quando sono causate da una incapacità a rilassarsi a causa di ansie e stress temporanei. Lievemente calmante migliora il sonno e riduce i risvegli notturni. Sebbene anche tisane e infusi siano efficaci, quando è possibile è sempre meglio affidarsi agli estratti secchi titolati delle piante medicinali. Questo perché in tali preparazioni i principi attivi sono più concentrati e le dosi sono controllate e uniformi.

Tiglio. Questa pianta, il cui nome scientifico è Tilia tomentosa, contiene svariati principi attivi tra cui tannini, efficaci nella cura delle sindromi ansiose e dell'insonnia che da tali condizioni deriva.

Che cos'è
Il biancospino (Crataegus oxyacantha o monogyna) è un arbusto comune che cresce spontaneamente nelle zone temperate dell'emisfero nord (Europa, Asia, America).

Per secoli, è stato usato per delimitare i campi. È dotato di spine, e forma siepi ornamentali per i suoi bei fiori bianchi in primavera e le bacche rosse che maturano in inverno.

L'attività
Dai fiori e dalle foglie essiccati si ricavano flavonoidi e proantocianidoli. I primi sono potenti antiossidanti e "spazzini" dei radicali liberi, utili nella prevenzione di malattie cardiovascolari e infiammatorie.

Insieme ai proantocianidoli, famiglia di polifenoli che appartiene alla classe dei flavonoidi hanno funzioni cardioprotettiva, sedativa e antiradicalica.

Azione cardioprotettiva: i flavonoidi inducono dilatazione dei vasi sanguigni addominali e, soprattutto, di quelli coronarici che portano il sangue al cuore, con conseguente riduzione della pressione arteriosa. Utile nei casi di ipertensione arteriosa, lieve o moderata, specie se di origine nervosa

Il biancospino diminuisce anche in modo sensibile la frequenza dei battiti del cuore, rivelandosi utile nell'angina e in tutti i disturbi dovuti a ipereccitabilità del cuore.

Studi clinici hanno dimostrato che nello scompenso cardiaco l'estratto secco titolato di biancospino può ridurre la frequenza cardiaca, il gonfiore alle caviglie e la pressione arteriosa con riduzione dei sintomi di sofferenza senza la comparsa di effetti collaterali.

Azione sedativa: i tannini e i flavonoidi contenuti nel biancospino agiscono a livello del sistema nervoso centrale, risultando utili soprattutto nei pazienti molto nervosi, nei quali riduce l'emotività, lo stato di tensione e migliora il sonno.

Azione antiradicalica: il biancospino è in grado di intrappolare i radicali liberi riducendo l'accumulo di colesterolo nella parete dei vasi sanguigni che tende a depositarsi dopo essere stato ossidato. In questo modo ostacola l'aterosclerosi.

Perché si usa
È utile in caso di tachicardia e di nervosismo e ipereccitabilità che hanno ripercussioni a livello del cuore.