Relax più gocce

Relax più gocce

EUR 10,00

Flacone da 50ml
Armonizzante del tono dell'umore, del rilassamento e del benessere mentale grazie all'azione sinergica di Passiflora, Escolzia, Asperula, Salice, tiglio , meliloto e melissa.

Disponibilità: Disponibile
Tags: Integratori

L'azione sinergica delle diverse erbe officinali, rendono relax più un ottimo aiutante contro lo stress e i disturbi del sonno.

La Passiflora:
La passiflora (Passiflora Incarnata) è una pianta erbacea perenne, rampicante e ramificata, particolarmente nota per le sue eccellenti proprietà sedative. La droga è costituita dalle parti aeree della pianta, quindi da infiorescenze, infruttescenze e talvolta da frammenti di fusto fogliuti.
La Passiflora è da lungo tempo utilizzata in erboristeria per la benefica azione che esercita sul sistema nervoso centrale senza indurre fastidiosi effetti secondari e per questo motivo è considerata un sostituto ideale dei sedativi tradizionali.
Ricca di flavonoidi, acidi grassi ed organici, maltolo, alcaloidi, ossicumarina, steroli, aminoacidi costituisce un buon rimedio contro i disturbi del sonno.
Assunta la sera la Passiflora aiuta a ritrovare un riposo lungo ed ininterrotto ed a risvegliarsi al mattino sereni e senza sgradevoli sensazioni di stordimento.
Rilassante naturale utile negli stati di esaurimento, stress, tensione nervosa, ansia e angoscia.

Escolzia:
Negli usi tradizionali, come rimedio naturale si fa ricorso alle parti aeree dell'escolzia. Queste sono ricche di alcaloidi benzilisochinolinici e benzofentridininici, responsabili dell'effetto sedativo, a cui si aggiungono flavonoidi come la quecetina, fitosteroli e carotenoidi. Tutte queste componenti hanno effetti diretti sul sistema nervoso, date le già citate capacità calmanti e rilassanti, ma non mancano delle proprietà antispasmo, balsamiche e antisettiche. Diversi sono quindi gli ambiti di applicazione, dal trattamento dell'insonnia agli stati di leggera ansia, dalla riduzione dello stress accumulato al rilassamento dei muscoli, passando per la gestione di peristalsi intestinali fin troppo attive.
Prima di lanciarsi nell'automedicazione, però, è bene apprendere gli usi e i possibili effetti collaterali della pianta, così come le controindicazioni e le interazioni con altri farmaci. Agendo direttamente sul sistema nervoso centrale, così come già ricordato, il parere medico prima dell'assunzione diventa fondamentale.

Melissa:
Le foglie di melissa, ricche di olio essenziale, che conferisce alla pianta un aroma gradevole e il sapore del limone, sono impiegate negli stati d'ansia con somatizzazioni a carico del sistema gastroenterico. Per la sua azione antispasmodica, antinfiammatoria e carminativa è indicata in caso di dolori mestruali, nevralgie, disturbi della digestione, nausea, flatulenza crampi addominali e colite.

Questa pianta è utilizzata anche nel trattamento del mal di testa, quando è causato da tensione nervosa, grazie alla presenza dell'olio essenziale (0,5%) che agisce come calmante sul sistema nervoso, e rilassante su quello muscolare. Il suo uso è particolarmente indicato, perciò, in presenza di un quadro d'irritabilità generale, insonnia causata da stanchezza eccessiva, nervosismo, sindrome premestruale, e tachicardia su base funzionale.

Consigli d'uso
15-30 gocce, due-tre volte al giorno.