Succo di Mirtillo Nero

Succo di Mirtillo Nero

EUR 3,20

Bottiglietta da 200ml
Una spremuta pura e naturale di Mirtillo Nero selvatico, un superfrutto buono e salutare, ricco di antiossidanti. Bevila da sola o come ingrediente con i nostri fantastici Yogurt Naturali!! In bottiglietta da 200ml

Disponibilità: Disponibile
Tags: Frutta

Solo pura spremuta di Mirtillo Nero, non da concentrato!
La lista di ingredienti più corta che ci sia!!

Ingredienti: 100% spremuta di Mirtillo nero selvatico.

NON da concentrato
SENZA additivi artificiali
SENZA conservanti
SENZA zuccheri aggiunti
SENZA acqua aggiunta
SENZA coloranti
SENZA aromi aggiunti
SENZA stabilizzanti
SENZA OGM
SENZA numeri-E

Frutto tipico del sottobosco, il mirtillo (Vaccinium Myrtillus) ha tradizioni antichissime. I mirtilli generalmente crescono nelle zone montane (sulle Alpi e gli Appennini), nei boschi e trovano la loro maggiore diffusione sui terreni ricchi di humus. Come riconoscerli? Sono dei piccoli arbusti appartenenti alla famiglia delle Ericacee, alti circa 60 cm. La loro fioritura avviene in primavera e si distinguono in tre differenti specie: mirtillo nero, rosso e blu. Secondo alcune recenti ricerche effettuate negli Stati Uniti, queste piccole bacche, sarebbero dotate di un enorme quantitativo di sostanze antiossidanti.

Le proprietà del mirtillo nero

Il mirtillo nero contiene zuccheri e molti acidi, in particolare l'acido citricoma anche l'acido ossalico, l'idrocinnamico e il gamma-linolenico.

L'acido ossalico è quello che conferisce il classico sapore asprigno del frutto; l'acido idrocinnamico; l'acido gamma-linolenico. Ma non è tutto: il mirtillo nero è particolarmente ricco di acido folico (una vitamina molto importante per le varie numerose funzioni che svolge) e contiene tannini e glucosidi antocianici, i quali oltre a dare al frutto il suo caratteristico colore, riducono la permeabilità dei capillari e ne rafforzano la struttura.

l frutto fresco del mirtillo deve contenere non meno dello 0,3% di antocianidine (espresse come crisantemina), mentre il frutto essicato non meno dell'1% di tannini (pirogallolo).

Nel frutto sono presenti le seguenti sostanze:

Eterosidi flavonoidici (asperuloside, quercitrina, isoquercetina, quercetin-3-ramnoside).
Antocianosidi 3% (delfinidina, cianidina, malvidina, petunidina, peonidina, pelargonidina, peonidina, irsutidina).
Tannini catechinici (5-12%).
Acidi organici (1-1,7%); provitamina A, vit.C e vitamine del complesso B.

Mirtillo, mirtilli

Il mirtillo nero (Vaccinium myrtillus Fam. Ericacee) è un piccolo arbusto spontaneo, comunissimo nel sottobosco montano dell'emisfero settentrionale, dove cresce tra i 900 ed i 1500-1800 metri. Allo stato selvatico è presente sia nelle Alpi che sugli Appennini, mentre piantagioni coltivate di mirtillo si ritrovano anche in ambienti collinari e pianeggianti, purché caratterizzati da un clima ventilato e da terreni ricchi di humus.

La dieta del viola-blu mI frutti del mirtillo, di colore nero azzurrognolo, sono particolarmente ricchi di antociani (glicosidi dalle spiccate virtù antiossidanti), tannini catechinici (sostanze dotate di attività vasocostrittrice e blandamente antinfiammatoria), vitamina C e pectine (fibre alimentari solubili).

Secondo la scala ORAC, messa a punto dal dipartimento dell'agricoltura statunitense per quantificare il potere antiossidante degli alimenti, i mirtilli sono tra le migliori fonti naturali di queste sostanze, secondi soli al succo d'uva nera.

COMPOSIZIONE CHIMICA: è una pianta ricca di antocianine, delle quali almeno sette sono state identificate. Abbondanti sono anche i tannini, che rappresentano circa il 7% del peso della pianta secca, e i flavonoidi.