Riso Superfino Carnaroli

Riso Superfino Carnaroli

EUR 2,70

Pacchetto da 500g
Varietà di riso italiani, prodotti in lomellina nel pavese, dove da secoli viene sapientemente coltivato il riso. Naturalmente senza glutine!

Disponibilità: Disponibile

Il riso Carnaroli

E' il "principe" dei risi, il primo che si associa all'idea di un risotto e infatti è largamente utilizzato, senza distinzioni regionali, per amalgamare i sapori più diversi. E' un riso lungo di tipo japonica: le sue grandi dimensioni e l'alta percentuale di amilosio assicurano una bassa collosità e un'ottima tenuta alla cottura.

Sono proprio queste qualità a farne l'ingrediente ideale per i risotti. Consigliamo anche di utilizzare questa pregiata varietà di riso come base per dolci: non sarebbe sprecato, perché il Carnaroli, proprio per la sua tenuta alla cottura, tende a non spappolarsi e costituisce quindi una buona base per i dolci di riso, nei quali è preferibile che durante la masticazione non si avvertano i singoli chicchi ma che il prodotto sia pastoso.

Il tempo di cottura che vi consigliamo per un risotto al dente è di 18-20 minuti. Tenete presente che il tempo di cottura varia in relazione all'annata, all'invecchiamento, al grado di lavorazione del riso che avete in casa e non è semplice rendersene conto.

Nel caso del risotto poi, esso dipende anche dalla tostatura che avviene all'inizio della preparazione - subito dopo il soffritto, quando il riso sfrigola nella pentola e ancora non avete versato il liquido di cottura - e dalla quantità dei grassi che si aggiungono durante la cottura: questo significa che, se cucinate un risotto tradizionale che presuppone l'utilizzo di abbondanti grassi animali, i tempi aumentano di 1-2 minuti. Nel caso di un'insalata di riso invece il tempo di bollitura del Carnaroli dev'essere 15 minuti.

Il R i s o superfino B A L D O

Un grande riso cristallino costituito nel 1964; il Baldo presenta un granello grosso e oggi stà diventando sempre più ricercato non solo nelle tavole italiane ma anche all'estero.

Il segreto per mantenerlo al dente è di fermare la cottura tra i 15 e i 16 minuti.

Un riso versatile poichè anche molto gradevole consumato in brodo di verdura e nelle minestre tradizionali.

Appartiene al gruppo dei risi superfini e deve le sue origini all'incrocio genealogia Arborio x STIRPE n. 136 per Arborio, viene considerato il figlio del riso Arborio...
La sua struttura cristallina e compatta lo rendono un ottimo ingrediente per risotti, insalate di riso, timballi e arancini di riso.

Si tratta di un riso lungo di tipo japonica caratterizzato da una struttura cristallina, utilizzato abitualmente per i risotti, ma è anche l'ingrediente preferibile per le insalate di riso.

Vi sconsigliamo invece di utilizzarlo come base per i dolci.

Dopo 15-16 minuti di bollitura è pronto per un'ottima insalata di riso.

Se usate un riso parboiled, come peraltro troverete scritto sulla confezione, potrete ridurre il tempo di cottura di qualche minuto, ma anche lasciarlo sul fuoco più dei minuti "canonici". La prebollitura che avviene durante la parboilizzazione rende più "elastiche" le performances ai fornelli e vi mette al riparo da "brutte sorprese". Tenete presente che il tempo di cottura del riso bianco varia in relazione all'annata, all'invecchiamento, al grado di lavorazione e nel caso del risotto dipende anche dalla tostatura che avviene all'inizio della preparazione e dalla quantità dei grassi che si aggiungono durante la cottura: questo significa che, se cucinate un risotto tradizionale che presuppone l'utilizzo di abbondanti grassi animali e vegetali, i tempi aumentano di 1-2 minuti. Il Baldo parboiled, poi, ha una maggiore tenuta alla cottura che permette di lasciarlo sul fuoco 1-2 minuti in più.

TEMPO DI COTTURA: 15-16 minuti

Il riso è privo di agenti conservanti, conservare in luogo fresco e asciutto prima e dopo l'apertura della confezione.

Il Riso Vialone Nano

Il Vialone Nano: Re dei Risi Semifini

Il riso vialone nano è una squisita varietà di riso semifino, particolarmente indicato per la preparazione di svariati minestroni e minestre in brodo, oltre che per le crocchette di riso ed i celebri arancini.

I suoi chicchi hanno forma tondeggiante e sono di media grandezza, essendo lunghi circa 5/6 millimetri.

Il riso vialone nano cuoce in circa 14/15 minuti, presentando tempi di cottura intermedi tra la varietà di riso originario, che richiede 12/13 minuti, e quella fine che necessita di più tempo prima d'essere portati in tavola, all'incirca 16 minuti.

Come accennato, il vialone nano offre il meglio di sè nei minestroni, nei timballi e nelle insalate di riso e ciò anche in virtù della sua capacità di rilasciare l'amido, presente in dosi significative nei chicchi, durante la cottura

In altre parole si tratta di una varietà di riso che si mantiene compatta, prestandosi di conseguenza a diverse preparazioni e figurando, per merito della versatilità e del sapore caratteristico, tra le migliori qualità di riso prodotto in Italia

Coltivazione

Agli albori della primavera i risicoltori preparano i terreni che dovranno accogliere i semi del Riso Vialone Nano. Il letto di semina dovrà essere assolutamente piano. Così l'acqua, fonte di vita per la risaia, potrà inondare i campi in maniera uniforme. Con la concimazione, supportata da sostanza organica, la buona terra veronese riceve gli elementi nutritivi necessari. Con l'aratura e con l'erpicatura si ossigena. Solchi regolari sono pronti ad accogliere l'acqua di risorgiva.

Essa entrerà a fiotti nelle ampie distese dove i semi germineranno in immersione, protetti dai rigori notturni della primavera. Ma, dopo qualche giorno, essa sarà sottratta alla risaia: la giovane pianta di riso potrà così ancorarsi più sicura alla terra. Da questo momento inondazioni e asciutte, sapientemente regolate dal risicoltore, accompagneranno gli stadi vegetativi della coltura rispondendo alle sue esigenze in base alle condizioni metereologiche. Le asciutte serviranno anche a distruggere alghe e insetti dannosi.

A estate inoltrata, la pianta del Riso Nano Vialone Veronese ha raggiunto la massima altezza e i culmi fertili emettono le infiorescenze che preludono alla fecondazione. D'ora in poi inizia la fase di maturazione. Già alla fine di agosto le spighe appaiono turgide e dorate. In condizioni climatiche favorevoli esse raggiungono una maturazione perfetta alla fine di settembre. La scelta del giusto momento della raccolta è molto importante.

Una trebbiatura anticipata o ritardata provocherebbe la presenza di granelli imperfetti, troppo verdi nel primo caso, rotti nel secondo.

All'inizio dell'autunno le mietitrebbiatrici entrano nella risaia e con grande rapidità tagliano gli steli, raccolgono le pannocchie e le sgranano. Il riso grezzo, il risone, dopo un'accurata essiccazione, viene trasferito nei magazzini delle aziende per la lavorazione.

Consigli utili per cucinare un buon risotto:

Tenere il Riso sempre in ambienti freschi ed asciutti.
Tenere il Riso lontano dai cattivi odori.
Non usare mai Risi troppo brillati.
Non lavare mai il Riso.
Non usare mai pentole strette ed alte, ma prediligere pentole basse e capienti.
Non aggiungere brodo/liquido freddo ad un risotto in fase di cottura.

Quando usare il Riso Vialone Nano e quando il Riso Carnaroli:

Il Riso Carnaroli si differenzia dal Vialone Nano in quanto il suo chicco si presenta leggermente più lungo e affusolato. In fase di cottura il Riso Carnaroli impiega qualche minuto in più, inoltre risulta molto al dente rispetto al morbido Vialone Nano.
E' poi diverso l'assorbimento dei condimenti: quasi nullo per il Carnaroli, ottimo per il Vialone Nano. Il consiglio è dunque quello di usare il Vialone Nano per risotti saporiti a base di sughi di carne e burro, mentre il Carnaroli è più adatto per insalate di Riso e piatti con condimenti più leggeri come verdure e pesce. Per un risotto morbido e cremoso, mantecato all' "onda", utilizzate Riso Vialone Nano; per un risotto sgranato e che necessita di una buona tenuta di cottura, preferite Riso Carnaroli.


Dell'Oryza sativa si conoscono due sottospecie: indaca o Patna e japonica.
La sottospecie indaca (o Patna) è caratterizzata da risi di forma allungata, a frattura cristallina, molto resistenti alla cottura ed apprezzati dai mercati nord europei. La sua coltivazione in Italia è notevolmente cresciuta arrivando a coprire il 16-17% di tutta la superficie investita a riso.
La classificazione commerciale del riso nella sottospecie japonica si basa su quattro tipi, ciascuno dei quali comprende diverse varietà.

Risi comuni: granella corta, tondeggiante, poco resistente alla cottura. Include varietà a buona produttività come: Originario, Balilla, Pierot, Razza 253, Cripto e Americano 1600. Sono indicati soprattutto per le minestre in brodo e dolci, in quanto sfarinandosi, danno maggiore densità.
Risi semifini: granella di lunghezza media; presentano buona produttività e una discreta qualità. A questa tipologia appartengono le seguenti varietà: Rosa Marchetti, Maratelli, Italico, Vialone nano, Padano e Lido. Sono indicati per minestrone e risotti.
Risi fini: con cariosside di lunghezza maggiore di 6,4 mm, forma allungata, aspetto traslucido; hanno buone caratteristiche organolettiche e resistono bene alla cottura. Varietà: Rinaldo Bersani (Ribe), Razza 77, Europa, Ringo e S. Andrea. Sono indicati per la cottura a vapore o all'inglese.
Risi superfini: cariosside lunga e pregiate caratteristiche qualitative. Includono le varietà: Arborio, Carnaroli, Roma, Argo e Baldo. Sono indicati per risotti, pasticcini, timballi e insalate.
Esistono in commercio anche risi che hanno subito trattamenti speciali per renderli più ricchi o per usi particolari. Questi risi sono:

Riso a cottura rapida. Il trattamento a cui è stato sottoposto consiste in una parziale cottura seguita da disidratazione, che consente di accorciare notevolmente i tempi di cottura successivi.
Riso parboiled. E' riso integrale lasciato immerso in acqua per uno o due giorni e poi trattato al vapore. Questo trattamento favorisce la migrazione dei composti idrosolubili, come le vitamine, dagli strati più esterni verso l'interno del chicco, ed in questo modo risulta ridotta la perdita dei composti nutritivi durante le operazioni di raffinazione.

RICETTA con Riso Superfino Baldo

RISOTTO ALLE FRAGOLE

INGREDIENTI:
- 400g di riso Superfino Baldo
- 100g di fragole
- 50g di burro
- 50g di formaggio Grana Padano
- 20g di cipolla tagliata fine
- 1/4 di litro di panna da montare
- brodo quanto basta
- 500ml di vino bianco
- 1 bicchiere di vino rosso

TEMPI DI COTTURA:
15-16 minuti per una cottura al dente

PROCEDIMENTO:
- Lavate e tagliate le fragole in pezzi grossi, ponetele in una bacinella con un bicchiere di vino rosso poi il tutto nel frigorifero per alcune ore.
- All'interno di una casseruola fate soffriggere la cipolla tagliata molto fine assieme al burro, ora versate il riso e fatelo rosolare appena.
- Versate un bicchiere di vino bianco e lo lasciatelo evaporare.
- Bagnate il riso con il brodo tanto da coprirlo, lasciatelo evaporare, in ultimo versate il vino delle fragole.
- Quando il riso e' quasi pronto aggiungete le fragole e la panna mescolando bene e delicatamente, quando e' tutto ben mantecato versate nel piatto di portata e servite in tavola.

Ricette con il Vialone Nano

Arrosto con Riso Pinoli e Pistacchi

Preparazione

Fare rinvenire l'uvetta in una ciotola, con acqua tiepida. Tostare il riso in un tegame con metà del
burro e un soffritto di cipolla; spruzzare con poco vino e, quando sarà evaporato, portare a cottura,
mescolando e bagnando con il brodo caldo. Dopo 15 minuti incorporare l'uvetta, il prezzemolo, i
pistacchi e i pinoli tritati. Farcire la tasca con il risotto preparato e cucire l'apertura con filo da cucina.
Scaldare l'olio con il burro e rosolare l'arrosto. Appena sarà dorato uniformemente, bagnarlo con il
vino, e cuocere in forno a 180° per un paio d'ore, rivoltandolo spesso e bagnandolo con il suo fondo
di cottura. Trascorso il tempo indicato, lasciare riposare la carne per qualche minuto; quindi affettarla
e servirla con il suo sugo.

Ingredienti (4 persone)

• 100 g di Riso Vialone Nano
• 700 g di lonza di maiale aperta a tasca 100 g di uvetta
• 2 cucchiai di pinoli
• 50 g di pistacchi pelati
• ½ cipolla
• ½ bicchiere di vino bianco secco
• 4 cucchiai d'olio extra vergine di oliva
• 2 cucchiai di burro
• brodo
• 1 mazzetto di prezzemolo
• sale, pepe

Insalata di Riso con Purè di Patate e Mele

Preparazione

Lessare il riso in abbondante acqua salata e a parte lessare le patate. Dopo averli puliti, tagliare i
gamberoni crudi e i peperoni a cubetti regolari. Condirli con olio extravergine d'oliva, poco sale e
pepe. Passare le patate al setaccio, aggiungere il purè di mela, il Grana e, da ultimo, il burro, mantecando delicatamente con un cucchiaio di legno finché il composto risulta soffice e spumoso. Quando sarà cotto il riso (circa 15 minuti) scolarlo e stenderlo su un piatto ampio e piano e lasciarlo raffreddare.

Condirlo con la dadolata di gamberi e peperoni. Mettere il riso in quattro stampini individuali.
Servire l'insalata di riso capovolgendo gli stampini al centro del piatto e disponendo intorno
un po' di purè di patate alla mela. Completare il piatto con un filo d'olio extravergine d'oliva.

Ingredienti (4 persone)
• 240 g di Riso Vialone Nano
• 8 gamberoni rossi
• 50 g di peperoni gialli
• 100 g di patate
• 50 g di purè di mela
• 40 g di burro
• 20 g di formaggio Grana grattugiato
• olio extravergine d'oliva

Quiche di Riso in Salsa di Stracchino

Preparazione
In una casseruola imbiondire la cipolla tritata, aggiungere 400 g di pancetta affumicata, aggiustare
di sale e pepe e fare rosolare a fiamma bassa. Aggiungere il riso e tostare leggermente mantenendo
la fiamma media. Aggiungere 1 litro di brodo e a bollore abbassare la fiamma continuando la cottura
per 15 minuti. Quando il riso avrà assorbito il brodo, spegnere e aggiungere 300 g di Fontina
amalgamando bene. Nel frattempo disporre il rotolo di pasta sfoglia su una spianatoia e stirarla fino
a formare uno stampo di 35 centimetri di diametro, poi prendere uno stampo rotondo di diametro 20
e adagiare la sfoglia. Mettere il composto appena cotto nello stampo, quindi racchiudere il tutto fra
i lembi della sfoglia facendo una leggera pressione. Spennellare la superficie con il tuorlo d'uovo e
infornare a 200 gradi per 20 minuti circa.

Per la salsa: Fare bollire 500 ml di latte in una casseruola con un pizzico di sale. In un'altra casseruola
mettere il burro e farlo imbiondire continuando a mescolare, poi aggiungere la farina e il latte.
Quando la salsa sarà un po' addensata, aggiungere lo Stracchino e amalgamare aggiungendo il
prezzemolo tritato (se la salsa è troppo densa aggiungere un po' di brodo di carne). Servire a spicchi
e irrorare con salsa di stracchino.

Ingredienti (6 persone)
• 500 g di Riso Vialone Nano
• 1 cipolla media
• 400 g di pancetta affumicata
• 1200 ml di brodo di carne
• 1 rotolo di pasta sfoglia
• 1 tuorlo d'uovo
• 300 g di Fontina
• sale e pepe quanto basta

Per la salsa allo stracchino:
• 500 ml di latte
• 250 g di stracchino
• 40 g di farina
• 40 g di burro
• pizzico di sale
• prezzemolo tritato

Timballo con Luccio e Salsa agli Agrumi

Preparazione

Con il luccio ben lavato fare un brodo aggiungendo all'acqua di cottura il sedano, la parte verde del
cipollotto, il succo di un limone e di mezza arancia e poco sale. Quando il luccio è cotto, spolparlo
facendo attenzione a togliere tutte le lische.

Rosolare il cipollotto tritato con poco olio in una casseruola di cui si possiede anche un coperchio che chiuda ermeticamente e aggiungere il riso.

Coprire con il brodo di pesce filtrato fino a raggiungere il doppio di volume, affinché il riso sobbolla molto lentamente.

Dopo un quarto d'ora circa, spegnere il fuoco e fare assorbire il liquido rimasto. Quando
il riso è cotto, mescolare e condire con la polpa di pesce, un filo di olio, il succo di un'arancia spremuto
e una macinata di pepe fresco. Con un mestolino o uno stampino dare una forma al risotto e
versarlo al centro del piatto di portata. Condire il tutto con la salsa all'arancia e decorare con fette di
arancia e ciuffetti di prezzemolo.

Per la salsa all'arancia: Amalgamare a fuoco lento per qualche minuto un po' di brodo di pesce con
burro e farina, fino a formare una crema non molto densa. Aggiungere del succo di arancia e poca
panna, aggiustare di sale e pepe e addolcire, se occorre, con un po' di zucchero.

Ingredienti (4 persone)
• 320 g di Riso Vialone Nano
• 1 cipollotto
• 500 g di luccio con la testa
• 1 costa di sedano
• 1 carota
• 2 limoni
• 2 arance
• pepe macinato fresco
• vino bianco
• 80 g di olio d'oliva extravergine
• 80 g di panna fresca
• 40 g di burro
• 40 g di farina bianca
• prezzemolo per decorare

Zucchine Ripiene di Riso e Verdure

Preparazione

Lavare le zucchine e privarle delle estremità; sbollentarle in acqua salata per 5 minuti. Sgocciolarle
e lasciarle intiepidire; quindi, tagliare a metà, nel senso della lunghezza, e prelevare con delicatezza
la polpa. Lessare il riso in acqua salata, scolarlo e trasferirlo in una terrina. Sciacquare e
mondare il peperone; tagliarlo a dadini e insaporirlo in padella con l'aglio schiacciato, 3 cucchiai
d'olio, la polpa delle zucchine spezzettata e i pomodori pelati e sminuzzati. Cospargere l'intingolo di
prezzemolo tritato; condirlo con sale e pepe e cuocere per una decina di minuti, su fiamma moderata.
A fine cottura, versare le verdure nel contenitore con il riso; aggiungere una manciata di grana
grattugiato e mescolare con cura. Farcire le mezze zucchine con il composto preparato e adagiarle
in una teglia imburrata. Irrorarle con l'olio rimasto e infornare a 200° per 10 minuti.

Ingredienti (4 persone)

• 50 g di Riso Vialone Nano
• 4 zucchine medie
• 1 peperone
• 3 pomodori
• 1 mazzetto di prezzemolo
• 1 spicchio d'aglio
• 5 cucchiai d'olio extra vergine di oliva,
• formaggio Grana grattugiato
• sale, pepe

RISOTTI

Risotto con Peperoni e Gorgonzola

Preparazione

Tagliare i peperoni a striscioline di 3-4 mm togliendo il torsolo e i filamenti bianchi. Affettare finemente
la cipolla e lo scalogno. Fare appassire in una padella con 3 cucchiai di olio e l'aglio intero sbucciato.
Aggiungere quindi i peperoni e far rosolare per qualche minuto. Abbassare la fiamma, salare,
mettere qualche foglia di timo e maggiorana e mettere il coperchio affinché i peperoni cuociano
nella loro acqua (15 minuti). Se a fine cottura risultassero troppo bagnati, fare asciugare alzando
la fiamma per qualche minuto. A fuoco spento mettere un pizzico di zenzero in polvere. Portare
a bollore il brodo e calare il riso. Nel frattempo frullare il gorgonzola con il latte, un pizzico di sale e
un pizzico di noce moscata. La crema dovrà risultare leggermente fluida. Dopo 14 minuti aggiungere
al riso il sugo di peperoni, coprire e lasciare sul fuoco per qualche minuto ancora. Tolto il riso dal
fuoco, mantecare con una noce di burro, la crema di gorgonzola e un po' di formaggio grattugiato.

Ingredienti (4 persone)
• 300 g di Riso Vialone Nano
• 400 g di brodo vegetale
• 1 peperone rosso
• 1 peperone giallo
• mezza cipolla
• 1 spicchio d'aglio
• 1 scalogno
• 150 g di Gorgonzola
• mezzo bicchiere di latte
• noce moscata
• sale e pepe
• zenzero in polvere
• Grana Padano grattugiato

Risotto all'Ortolana

Preparazione

Far imbiondire aglio e cipolla nell'olio di oliva, aggiungere le carote, il gambo di sedano e il porro,
il tutto tagliato a dadini. Separatamente fare la stessa cosa con le melanzane, unire il tutto, poi
aggiungere piselli e zucchini.

Tostare a parte il riso con l'olio extravergine, versare il brodo vegetale, coprire con un coperchio e
abbassare la fiamma. A tre quarti di cottura unire i legumi più i pomodori e il prezzemolo. Mantecare
con cura e servire. Spolverare con formaggio Parmigiano.

Ingredienti (4 persone)
• 400 g di Riso Vialone Nano
• 800 g di brodo vegetale
• 8 dl di olio extravergine di oliva
• aglio, cipolla, carote, melanzane, piselli, zucchini, pomodori, porri, prezzemolo
• 1 gambo di sedano
• sale e pepe q.b.

Risotto con Melone e Gamberi

Preparazione

Sgusciare i gamberi. Preparare il brodo di pesce facendo soffriggere mezza carota, mezza cipolla
e mezza costa di sedano; aggiungere i gusci dei gamberi, bagnare con mezzo bicchiere di vino
bianco e far evaporare il tutto. Quindi aggiungere dell'acqua fredda, portare di nuovo ad ebollizione
e poi abbassare il fuoco e continuare la cottura molto lentamente, per circa 1 ora. A parte, procedere
con la preparazione del brodo vegetale con le verdure rimaste. Incidere la parte alta dei gamberi
e levare il filino nero per poi tagliarli a piccoli tronchetti. In una pentola far rosolare, a fuoco alto, con
un filo d'olio, i gamberi, aggiustare di sapore con sale e pepe, quindi unire il brandy e far evaporare
il tutto.

Poi versare il riso e iniziare la tostatura bagnando il tutto con il resto del vino bianco. Quindi
continuare aggiungendo metà del brodo di pesce e metà di quello vegetale ed ultimare la cottura.
A parte, pulire il melone, privandolo della buccia e dei semi, tagliarlo a pezzettini ed aggiungerlo
al riso a fine cottura. Mantecare con burro e formaggio. Spolverare con dell'altro sale e pepe e servire.

Ingredienti (4 persone)
• 400 g di Riso Vialone Nano Vialone
• 25 gamberi di misura media
• 250 g di melone maturo
• 1 carota
• mezza cipolla
• 1 costa di sedano
• 30 g di formaggio Grana grattugiato
• 40 g di burro
• 3 cucchiai di brandy
• 2 cucchiai d'olio extra vergine d'oliva
• 1 bicchiere di vino bianco
• sale e pepe q.b.

Risotto Gamberi e Rucola

Preparazione

Tagliare grossolanamente ¼ di cipolla, una carota media, mezza costa di sedano e farle imbiondire
in una pentola con un velo di olio extravergine di oliva. Aggiungervi poi la foglia di alloro, i gusci
delle code di gambero, un decilitro di vino bianco, acqua e far bollire per circa 45 minuti. Proseguire
con la tostatura del riso, aggiungere il fumetto, mescolare delicatamente, coprire e porre la fiamma
al minimo.

In una padella, con un velo di olio extravergine di oliva imbiondire uno spicchio d'aglio
tritato finemente, aggiungere il peperoncino e le code di gambero, rosolare per alcuni minuti, insaporire con sale e spruzzare con vino bianco. A metà cottura del riso aggiungere le code di gambero
spadellate. Mescolare delicatamente. A cottura ultimata mantecare con olio extravergine di oliva e
la rucola tagliata a julienne. Servire.

Ingredienti (4 persone)
• 300 g di Riso Villanova Nano
• 600 g di fumetto di pesce
• 150 g di code di gambero da sgusciare
• 1 mazzetto di rucola
• ½ cipolla
• 1 carota
• 1 spicchio d'aglio
• ½ costa di sedano
• 1 foglia di alloro
• 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
• sale, peperoncino, vino bianco

Risotto dell'Estate

Preparazione

Tostare il riso con poco olio extravergine di oliva in una casseruola, sfumare con il vino bianco, quindi
aggiungere il brodo bollente e lasciar cuocere per 17-18 minuti.
Intanto a parte tagliare i pomodori a cubetti e far sgocciolare. A cottura ultimata del riso, mantecare
con il rimanente burro, il formaggio Parmigiano, lo scalogno tritato finemente, il basilico frullato e
l'erba cipollina tritata.

Condire con la dadolata di pomodoro e servire tiepido.

Ingredienti (4 persone)
• 400 g di Riso Vialone Nano
• 1,5 litri di brodo di pollo
• ½ bicchiere di vino bianco
• 80 g di burro
• 100 g di formaggio Parmigiano
• 1 mazzetto di erba cipollina
• 2 scalogni
• 2 pomodori maturi
• 1 mazzetto di basilico fresco
• olio extravergine di oliva, sale e pepe q.b.

Risotto Capesante e Zucchine

Preparazione

Mettere il burro, due spicchi d'aglio e la cipolla precedentemente tritata in una casseruola e far
soffriggere. Nel frattempo lavare le capesante, scolarle, tagliarle a metà (o a proprio piacimento)
e aggiungerle nella pentola facendole cuocere qualche minuto. Unire le zucchine precedentemente
lavate e tagliate a julienne, quindi salare e pepare. Fate rosolare il tutto per qualche minuto,
aggiungere 800 ml di brodo e quando il tutto bolle, aggiungere il riso e mescolare. Cuocere a fiamma
bassa per 15 minuti circa. Una volta che il riso ha assorbito il brodo, mantecare con l'aggiunta
di una parte del brodo rimasto e del prezzemolo tritato. Versare in una pirofila e servire con qualche
fogliolina di prezzemolo.

Ingredienti (4 persone)

• 400 g di Riso Vialone Nano
• 100 g di burro
• 200 g di zucchine
• 300 g di capesante polpa
• 1 litro di brodo vegetale con carapaci (gusci di pesci)
• 1 cipollina
• 2 spicchi d'aglio
• sale, pepe, prezzemolo tritato quanto basta

Risotto al Basilico

Preparazione

In una casseruola far soffriggere lo scalogno con l'olio extravergine di oliva. Dopo qualche minuto,
togliere tutto lo scalogno, versare il riso nella casseruola e tostare per qualche minuto. Aggiungere
il brodo bollente tutto in una volta, mescolare, coprire e porre la fiamma al minimo, cuocere per 15
minuti. A questo punto, spegnere la fiamma, e mantecare con la noce di burro ed il Grana grattugiato.
Solo a mantecatura ultimata, aggiungere la julienne di basilico e mescolare un'ultima volta. Servire
guarnendo il piatto con foglioline di basilico a piacere.

Ingredienti (4 persone)

• 400 g di Riso Vialone Nano
• 9 dl brodo di verdure e pollo
• 100 g di foglie di basilico fresco
• 20 g di olio extravergine di oliva
• 60 g di Grana grattugiato
• 1 noce di burro
• ½ scalogno
• sale e pepe q.b.

Risotto alla Zucca

Preparazione

Dopo aver lavato la zucca, togliere bene la buccia, i filamenti interni e tutti i semi. Tagliarla a tocchetti
di circa 1 cm di lato. Tagliare finemente la cipolla e lo scalogno. Fare sciogliere il burro a fiamma
dolce con un filo di olio, fare quindi soffriggere la cipolla e lo scalogno. Quando saranno ben rosolati,
ma non ancora rossi, aggiungere la zucca: farla rosolare brevemente, quindi aggiungere il vino
bianco e un po' di brodo. Aggiungere gli aromi e aggiustare di sale e pepe. Fare cuocere finché la
zucca risulti morbida ma non sfatta, aggiungere il rosmarino tritato e spegnere. Portare ad ebollizione
il brodo e calare il riso. Appena ricomincia a bollire abbassare la fiamma affinché il bollore sia
appena percettibile. Dopo 14 minuti aggiungere al riso il ragù di zucca, il mascarpone, una macinata
di pepe e ancora un po di rosmarino tritato. A 18 minuti togliere il risotto dal fuoco e amalgamare
con il formaggio grattugiato, e un filo di olio a piacere.

Ingredienti (4 persone)
• 300 g di Riso Vialone Nano
• 400 g di brodo
• 1 zucca di media grandezza
• 100 g di burro
• mezzo cucchiaio di mascarpone
• mezza cipolla
• uno scalogno
• mezzo bicchiere di vino bianco
• 100 g di Grana Padano grattuggiato
• aromi (maggiorana timo)
• un rametto di rosmarino

Risotto con Porcini e Gamberi

Preparazione

Mettere il burro, due spicchi d'aglio e la cipolla precedentemente tritata in una casseruola e fare soffriggere.

Nel frattempo lavare i gamberi (toglietegli la testa e sgusciateli, tagliateli a metà e lavateli
bene), aggiungeteli nella casseruola e fateli rosolare. Poi aggiungere i funghi precedentemente
lavati e tagliati, quindi salare, pepare e cuocere per qualche minuto. Aggiungere 800 ml di brodo e
quando prende bollore, il riso e mescolate. Cuocere a fiamma bassa per 15 minuti circa. Una volta
che il riso ha assorbito il brodo, mantecare con l'aggiunta di una parte del brodo rimasto e del prezzemolo
tritato. Versare in una pirofila e servire.

Ingredienti (4 persone)
• 400 g di Riso Vialone Nano
• 100 g di burro
• 200 g di funghi porcini
• 200 g di gamberi
• 1 litro di brodo vegetale con carapaci (gusci di pesci)
• 1 cipollina
• 2 spicchi d'aglio
• sale, pepe, prezzemolo tritato quanto basta

Riso e "Bisi"

Preparazione

Brodo: In una pentola capiente, fare bollire per un quarto d'ora in acqua salata i baccelli, le carote,
il sedano e mezza cipolla. A parte far imbiondire l'altra metà della cipolla finemente tritata in 20
g di olio extravergine di oliva, aggiungere la pancetta e quando sarà rosolata versare il vino bianco
secco lasciandolo evaporare. Unire i piselli, insaporire di sale e pepe e cuocere per 10 minuti circa.
In una casseruola tostare il riso con 20 g di olio extravergine di oliva. Unire tutto il brodo bollente in
una volta, mescolare delicatamente, coprire con il coperchio e porre la fiamma al minimo. Lasciar
cuocere per 10 minuti. A questo punto aggiungere il condimento e ultimare la cottura. Mantecare
con la noce di burro, il grana e il prezzemolo tritato.

Ingredienti (4 persone)
• 320 g di Riso Vialone Nano
• 7 dl di brodo vegetale
• 700 g di piselli freschi con baccello
• 150 g di pancetta tritata finemente
• 40 g di olio extravergine di oliva
• carote
• sedano
• 1 cipolla
• 1 noce di burro
• 1 dl di vino bianco secco
• 40 g di Grana grattugiato
• prezzemolo
• sale e pepe q.b.

Risotto con Carciofi,
Formaggio e Origano Fresco

Preparazione

Preparare il brodo vegetale facendo bollire per circa un'ora il sedano, la carota e la cipolla in 1 litro
abbondante d'acqua. Nel frattempo pulire i carciofi e tenerli a bagno con acqua e limone spremuto
per evitare che diventino neri, quindi tagliarli a strisce sottili, pelare il fusto e tagliarlo a rondelle. In
una casseruola versare l'olio e la cipolla tritata, far appassire a fuoco lento, aggiungere i carciofi, il
sale, il pepe e il vino bianco. Se occorre, durante la cottura, aggiungere dell'acqua bollente per ultimare la cottura.

Misurare 8 dl di brodo e far bollire in una pentola, quindi versare il riso, mescolare e coprire. Portare
a bollore e cuocere il riso a fuoco lento. A tre quarti della cottura del riso (dopo circa dieci minuti),
aggiungere i carciofi, coprire e portare a termine la cottura. Mantecare il riso con il formaggio sminuzzato o tagliato a fettine sottili. Aggiungere del brodo bollente, se necessario, per tenere morbido il riso e servire.

Ingredienti (4 persone)
• 400 g di Riso Vialone Nano
• 8/10 carciofi
• 100 g di Formaggio "Monte Veronese" o "Asiago"
• 1 cucchiaino di cipolla tritata
• ½ cipolla
• 1 carota
• 1 costa di sedano
• ½ bicchiere di vino bianco
• 2 cucchiai di olio d'oliva
• sale e pepe q.b.

Per il brodo:
• ½ cipolla
• 1 carota
• 1 costa di sedano

Risotto con i Petali
di Rosa al Spumante Rosé

Preparazione
In una pentola far appassire lo scalogno tritato finemente, aggiungere il riso e tostare. Aggiungere il
Bardolino Spumante Rosé e, mescolando delicatamente, farlo evaporare a fiamma vivace.

Versare il brodo bollente tutto in una volta, coprire e lasciar cuocere per 13 minuti.

A cottura ultimata togliere dalla fiamma, mantecare con la noce di burro e il grana, unire i petali di
rosa tagliati a julienne. Servire guarnendo a piacere con petali di rosa.

Ingredienti (4 persone)

• 400 g di Riso Vialone Nano
• 9 dl di brodo vegetale
• 2 rose intere
• 1 scalogno
• 20 g di olio extravergine di oliva
• 1 noce di burro
• 60 g di Grana grattugiato
• 3 dl di vino Spumante Rosé
• sale q.b.

Risotto al Radicchio e Vino Rosso

Preparazione

Mondate e lavate il radicchio; sgocciolatelo bene e tagliatelo a listarelle sottili. Fate appassire la
cipolla tritata in un tegame con il burro e l'olio; unite il radicchio e lasciatelo insaporire per un paio di
minuti, mescolando. Aggiungete il riso e rigiratelo nel condimento per un minuto; spruzzate con il
Recioto e, quando sarà evaporato, portate a cottura, incorporando poco allavolta il brodo necessario.
Dopo 15 minuti, amalgamte il mascarpone e lasciate sulla fiamma per altri tre minuti. Regolate
di sale, pepate e condite il risotto con il Grana grattugiato.

Ingredienti (4 persone)

• 400 g di Riso Vialone Nano
• 2 cucchiai di mascarpone
• 2 cespi di radicchio rosso
• mezzo bicchiere di vino rosso
• 1 cipolla
• brodo vegetale
• 2 cucchiai di olio extra vergine d'oliva
• 4 cucchiai di formaggio Grana grattugiato
• 40 g di burro

Risotto al Sedano

Preparazione

Spazzolare e lavare bene il sedano di Verona e cuocerlo in acqua bollente.Tagliarlo a pezzi ed
emulsionarlo con un frullatore insieme a dell'olio d'oliva. Aggiustare di sale e di pepe. In una casseruola tostare il riso con 20 g di olio extravergine di oliva. Unire tutto il brodo bollente in una volta, mescolare delicatamente, coprire con il coperchio e porre la fiamma al minimo. Lasciar cuocere
per 10 minuti. A questo punto aggiungere la purea di sedano e ultimare la cottura. Mantecare con la
noce di burro e il grana. Servire guarnendo il piatto con del sedano tagliato a julienne, leggermente
spadellato con l'olio extravergine di oliva.

Ingredienti (4 persone)
• 320 g Riso Vialone Nano
• 7 dl di brodo vegetale
• 1 sedano rapa di Verona (500 g circa)
• 40 g di olio extra vergine di oliva
• 60 g di Grana grattugiato
• 1 noce di burro
• sale e pepe q.b

Risotto Veneto

Preparazione
Preparazione: Mettere l'olio e metà del burro in una padella anti-aderente e far dorare per 10 minuti
l'aglio intero, la cipolla ed il porro tagliati finemente.

Nel frattempo mondare i radicchi, tagliarli a pezzetti e quindi aggiungerli nella padella mescolando
bene. Salare e pepare e quindi lasciar cuocere a fuoco lento. Sminuzzare il formaggio, lasciandone
una piccola parte intera che servirà alla fine a scaglie.

Dopo 20 minuti aggiungere il mezzo bicchiere di vino bianco e portare a cottura il sugo (il radicchio
dovrà risultare cotto ma non sciolto). Poco prima di spegnere il sugo aggiungere una manciata di
formaggio sminuzzato. Portare ad ebollizione il brodo vegetale, versare il riso e lasciarlo cuocere
per almeno 16 minuti. Aggiungere tutto il formaggio sminuzzato e mescolare. Attendere un paio
di minuti e quindi aggiungere il sugo di radicchio, mantecare con il rimanente burro e il formaggio
Grana. Lasciare riposare per 2 minuti, quindi servire guarnendo con le scaglie di Asiago.

Ingredienti (4 persone)
• 400 g di Riso Vialone Nano
• 240 g di formaggio Asiago DOC-DOP
• 4 cespi di radicchio rosso di Treviso IGP
• 30 g di burro
• 40 g di Grana Padano grattugiato
• 800 g di brodo vegetale
• 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva
• 1 spicchio d'aglio
• ½ cipolla rossa di Tropea
• mezzo porro
• 1 bicchierino di vino Bianco Sauvignon DOC
• sale e pepe quanto basta